Giorgio Gaber, elogio di un intellettuale

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

A quasi vent'anni dalla sua scomparsa, ricordiamo uno dei più grandi cantautori e geniali artisti del panorama musicale italiano

A quasi vent’anni dalla sua scomparsa, ricordiamo uno dei più grandi cantautori e geniali artisti del panorama musicale italiano

Se il clacson della Torpedo Blu sotto casa vi dice qualcosa, o se mai vi siete trovati a chiedervi se fare la doccia sia un’abitudine di destra o di sinistra, allora conoscete Giorgio Gaber – uno dei pilastri della musica italiana del secolo scorso, a cui il motore di ricerca Google dedica il doodle di oggi in occasione dell’83° anniversario della sua nascita.

Nato a Milano nel 1939, Giorgio Gaberščik (cognome triestino impronunciabile presto abbandonato in favore di un più orecchiabile Gaber) inizia a strimpellare la chitarra per riabilitare la sua mano sinistra, rimasta parzialmente paralizzata dopo la poliomielite che aveva contratto da bambino, e quella che doveva essere una costrizione riabilitativa è ciò che gli permette di tirar fuori il suo immenso talento musicale.

Il successo musicale come cantante e cantautore, nei primi anni ’60, è fulminante e gli apre la strada per una ricca e florida carriera nelle case discografiche e in TV: incide canzoni che diventano presto famose, pubblica album di successo, partecipa per ben quattro volte al Festival di Sanremo (nel 1961 con il brano Benzina e cerini; nel 1964 con Così felice; nel 1966 con Mai, mai, mai (Valentina); nel 1967 con …E allora dài!).

Ma questa fama, solida ma vincolata alle leggi della televisione, ben presto inizia a stargli stretta: non vuole essere un burattino nelle mani del mercato televisivo, delle etichette discografiche, costretto ad interpretare un personaggio che non gli appartiene, una “macchietta” a favore di telecamera. Vuole essere libero di dire ciò che pensa, di fare arte a modo suo, senza vincoli e senza condizioni: ecco allora che Giorgio Gaber si trasforma nel Signor G.

Lascia la televisione, lascia le canzonette orecchiabili, e inizia a calcare i palcoscenici teatrali, dando vita ad un nuovo tipo di spettacolo – innovativo e avanguardista: il teatro-canzone. Guadagna forse di meno, è costretto a subire i fischi degli spettatori insoddisfatti, ma sente di stare andando nella direzione giusta e di essere in sintonia con la propria coscienza artistica. Il teatro-canzone lo accompagnerà fino alla fine della sua vita, fino alla prematura scomparsa nel gennaio del 2003 (pochi giorni prima del suo 64° compleanno) a causa di un tumore ai polmoni – tranne poche sporadiche apparizioni televisive, fatte più per compiacere le richieste di amici artisti (si pensi a Mina o a Celentano) che non per un reale desiderio di tornare a quel mondo.

Ci ha lasciati orfani della sua musica, il Signor G., ma anche del suo modo sagace di vedere le cose e di leggere la realtà, della sua sottile ironia e della sua grande intelligenza. Approfittiamo quindi della giornata di oggi per andare a (ri)scoprire le sue canzoni, vere e proprie perle del panorama musicale italiano, e la sua immensa opera teatrale.

Seguici su Telegram Instagram | Facebook TikTok Youtube

Fonti: Google / Fondazione Giorgio Gaber

Ti consigliamo anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Sono laureata in Lingue e Culture Straniere. Da sempre attenta alle problematiche ambientali e rivolta a uno stile di vita ecosostenibile, tento nel mio piccolo di ridurre al minimo l’impronta ambientale con scelte responsabili nel rispetto della natura che mi circonda.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook