Pere italiane: crollo di quasi il 50% della produzione in 5 anni, tra clima impazzito e malattie

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

In soli cinque anni la produzione nazionale delle pere si è praticamente dimezzata (a fronte dell'aumento delle importazioni dall'estero)

In soli cinque anni la produzione nazionale delle pere si è praticamente dimezzata (a fronte dell’aumento delle importazioni dall’estero)

In occasione di FuturPera, la più importante fiera dedicata alla coltivazione delle pere che si è svolta qualche giorno fa (2-4 dicembre) a Ferrara, l’associazione Consorzi Agrari d’Italia ha presentato l’annuale report sulla pericoltura italiana, dal quale emerge una situazione drammatica: negli ultimi cinque anni la produzione nazionale delle pere si è quasi dimezzata e si è assistito al contempo anche alla riduzione delle aree destinate alla coltivazione di questo frutto. Confrontando i dati del 2021 con quelli del 2017, infatti, la produzione di pere è passata da 770 milioni di kg a 400 milioni (-48%), con una diminuzione delle aree coltivate del 15%.

Le cause di questo vero e proprio disastro ecologico ed economico sono da ricercarsi nel clima impazzito, in fenomeni metereologici estremi e negli attacchi di parassiti e agenti patogeni subiti dai peri. Le regioni più colpite sono l’Emilia Romagna (che da sola produce il 66% delle pere italiane), il Veneto (11,5%) e la Sicilia (6,7). Il calo nella produzione si traduce inevitabilmente in un aumento dei prezzi al consumo: il prezzo delle pere Kaiser è aumentato del 36%, quello delle pere Abate del 31% e quello delle Decane del 22% – anche se, secondo l’associazione, tali aumenti non compensano le perdite subite dagli agricoltori con il calo della produzione. Ma non solo: contemporaneamente alla perdita a livello nazionale, è cresciuto il volume delle importazioni (+5,4% negli ultimi cinque anni) a danno della produzione italiana: le principali proveniente sono Argentina (28% sul totale), Spagna (24%) e Cile (16%).

Il report dimostra come sia necessario puntare sull’innovazione per prevenire problemi ai pereti dovuti a gelate tardive o attacchi patogeni che hanno messo in ginocchio il settore – spiega Ivan Cremonini, dirigente di Consorzi Agrari d’Italia -. Occorre dotare i frutteti di tutti gli impianti all’avanguardia per difendersi dalle bizze del clima e dagli attacchi ripetuti di agenti patogeni.

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook | TikTok | Youtube

Fonte: Consorzi Agrari d’Italia

Ti consigliamo anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Sono laureata in Lingue e Culture Straniere. Da sempre attenta alle problematiche ambientali e rivolta a uno stile di vita ecosostenibile, tento nel mio piccolo di ridurre al minimo l’impronta ambientale con scelte responsabili nel rispetto della natura che mi circonda.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook