Architetta, medica, chirurga: Treccani è il primo vocabolario a incentivare la parità di genere

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Una “amica” verrà sempre prima di un “amico” e se cerchi un gatto stai sicuro che troverai prima di tutto una gatta. Treccani cambia il modo di lemmatizzare i termini e dice addio al privilegio sinora riservato al genere maschile. Si adegua ai tempi e lo fa anche introducendo parole e definizioni oramai entrati nel linguaggio comune, come lockdown e reddito di cittadinanza

Come conservare l'avocado

Per la prima volta non avrà un canale favorito il genere maschile ma si seguirà semplicemente l’ordine alfabetico per nomi e aggettivi, dando quindi prima spazio al genere femminile. Se si cercherà la definizione di soldato, quindi, si troverà prima la parola soldata, poi declinata al maschile. Va da sé che direttore verrà prima di direttrice e che lettore sarà prima di lettrice.

Una autentica rivoluzione che porta la firma di Treccani, lungimirante nell’abbandonare definizioni che oramai i più considerano arcaiche e foriere di stereotipi e pregiudizi: se un chirurgo è donna, sarà una chirurga!

L’Istituto dell’Enciclopedia Italiana, quindi, dichiara il suo intento di entrare nella “cronaca” di una lingua in costante evoluzione e chi meglio potrebbe farsi promotore di inclusività e parità di genere? Per abolire gli stereotipi di genere, come la donna che fa i lavori di casa e l’uomo che va in ufficio, per esempio, il dizionario indicherà anche nuovi esempi di utilizzo delle parole e metterà in evidenza il carattere offensivo di modi di dire lesivi della dignità.

Al tempo stesso, poi, Trecccani riconosce tra i neologismi termini come distanziamento sociale, lockdown, smart-working, dad, infodemia, lavoro agile, reddito di cittadinanza, rider, termoscanner, terrapiattismo e transfobia.

Un’altra cosa a cui è stata data molta attenzione è la sostituzione della parola “uomini” nei casi in cui viene usata per indicare gli esseri umani in generale, quindi anche le donne: in questi casi si dà preferenza a “essere umano” o “persona” (bontà” prima era “qualità dell’uomo” ora sarà “qualità della persona”).

Seguici su Telegram Instagram | Facebook TikTok Youtube

Fonte: Treccani

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per greenMe dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook