Nintendo Switch, la fragilità della consolle che non ti aspetti. E le riparazioni sono salate

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

A meno di due anni dalla messa in vendita le console Nintendo Switch hanno all’attivo già troppi guasti e le riparazioni sono costose. L’accusa che arriva da un portale francese dei consumatori

Scheda madre danneggiata e alimentazione fuori servizio tra i principali problemi tecnici riscontrati in una console di gioco uscita solo nel 2017 e che pare sia il must tra i bimbi e ragazzini. La Nintendo Switch potrebbe essere infatti eccessivamente difettosa e non creare non pochi problemi ai chi la utilizza (o, meglio, ai genitori…).

È l’allarme lanciato dalla rivista dei consumatori francese 60 Millions de consommateurs che ha raccolto opinioni e lamentele di chi la Nintendo Switch l’ha comprata e si è trovato subito a fare i conti con guasti di ogni sorta e con anomalie “troppo precoci” per un dispositivo di così giovane età.

Non solo lo Switch sembra molto fragile, ma i prezzi di riparazione richiesti dalla casa madre giapponese sono anche molto alti. Compreso quando la console è ancora coperta dalla garanzia commerciale.

Quando si mette un gioco, non succede nulla appare e il messaggio di errore ‘Impossibile leggere la mappa’” spiega Yvette, madre di due bambini. Un altro problema riscontrato: il malfunzionamento del joystick sul controller. “Il pulsante centrale non reagisce quando lo premi – dice Youssef. Peggio: meno di un anno dopo l’acquisto, la sua console Switch non si carica più quando viene collegata al settore. È inutilizzabile”, riassume l’utente.

Secondo 60 millions si tratta di problemi non isolati. “Ogni mese ricevo tra le cinquanta e le cento console switch da riparare”, conferma il direttore di un negozio di riparazione di Parigi, che preferisce rimanere anonimo. “Questo è abbastanza anormale per una console che è stata lanciata nel 2017. Di norma, le macchine si rompono dopo cinque o sei anni di utilizzo”.

Come se non bastasse i costi per le riparazioni sono davvero costosi anche quando la console è ancora coperta dalla garanzia commerciale. Costi addirittura quasi pari al prezzo della stessa console nuova di zecca, che costa già sui 300 euro circa.

Rimedi? Certo, desistere dall’acquisto di dispositivi hi-tech per i nostri cuccioli e magari per questo Natale orientarsi sulla scelta di un buon libro o di giochi più adeguati.

Leggi anche

Germana Carillo

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per greenMe dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.
Foodspring

Colazione proteica vegan per chi la mattina ha il tempo contato

ECS

Ripartire in green: come alberghi e strutture ricettive possono rilanciarsi investendo sul turismo verde

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook