Eco-guida di Greenpeace sui prodotti elettronici: promosse Nokia, Philips e Sony Ericsson. Tirata di orecchie a Toshiba

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Nokia, Sony Ericsson e Philips sono le aziende che si posizionano meglio nella sedicesima edizione dell’Eco-guida sui prodotti elettronici redatta da Greenpeace e resa nota ieri. Ogni tre mesi, infatti, l’associazione ambientalista fa una classifica, o per meglio dire eco-guida, delle aziende di apparecchi e accessori elettronici più eco-friendly, evidenziando per ogni casa produttrice sia i punti di merito, che quelli a sfavore.

In questa che è la 16° eco-guida di Greenpeace, ai primi posti troviamo Nokia e Sony Ericsson, che hanno escluso il PVC, i ritardanti di fiamma a base di bromo, antimonio, berillio e ftalati dalle loro produzioni.

Al terzo posto c’è invece Philips, che risulta la migliore nel settore tv per aver lanciato Econova TV, il primo televisore senza PVC e ritardanti di fiamma contenenti bromo. L’azienda sta quindi mantenendo il suo impegno di eliminare tutte le sostanze tossiche – e quindi pericolose – dai suoi apparecchi entro la fine dell’anno; per questo Philips è oggi eco-leader nella produzione di televisori.

Negli anni è cresciuto il divario fra le aziende impegnate con profitto nell’innovazione verde e chi continua a fare solo promesse – ha commentato Vittoria Polidori, responsabile della campagna inquinamento di Greenpeace -. Philips ha superato i problemi tecnici riscontrati nella rimozione di PVC e ritardanti di fiamma dai suoi articoli. Ora gli altri produttori di TV non hanno più scuse!

Ma perché i ritardanti di fiamma sono pericolosi?
Queste sostanze – usate per i circuiti stampati e per rivestire le materie plastiche – possono addirittura provocare dei seri disturbi nell’apprendimento, nella memorizzazione e alla tiroide; e anche la plastica in PVC rilascia nell’aria diossine cancerogene.

Disattesi invece gli impegni da parte di LGE, Samsung, Dell e Lenovo, che rispetto alla scorsa classifica hanno perso una posizione; penalizzata anche Toshiba, che perde ben due posti per non aver rivisto la sua catena di produzione entro il termine del 1 aprile 2010 da lei fissato.

Verdiana Amorosi

Scarica la 16° eco-guida di Greenpeace con tutti i punteggi assegnati alle singole case produttrici

Leggi tutte le precedenti eco-guide

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
ABenergie

Quando la tua tariffa di luce e gas ti fa risparmiare e pianta gli alberi

Schär

Sei celiaco? Da Schär un test di prima autovalutazione dei sintomi da fare in pochi click

ABenergie

Cosa fai dentro casa per risparmiare energia?

ABenergie

Gas Green: quando il tuo gas compensa la C02 piantando alberi in Italia e nel mondo

ABenergie

Smart working: come scegliere il tuo gestore di energia ora che lavori da casa

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook