@ olegd/123rf.com

Lo specchio supertecnologico che rivela subito la tossicità di farmaci e pesticidi. L’invenzione tutta italiana

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Questo nuovo dispositivo tecnologico (tutto italiano) permetterà di testare la tossicità per l’uomo di farmaci e sostanze chimiche, anche nel lungo periodo

Finora l’unica risposta che ci si poteva aspettare da uno specchio era se fossimo o meno le più belle del reame. Ora invece un nuovo rivoluzionario specchio tecnologico sarà in grado di svelare la tossicità di farmaci e pesticidi prima che vengano immessi sul mercato. Lo ha messo a punto l’Istituto Italiano di Tecnologia (IIT) grazie ad un finanziamento dell’Unione Europea di 3 milioni di euro nell’ambito del progetto TOX-Free: il dispositivo potrà aiutare, nelle prime fasi di sperimentazione di farmaci e sostanze chimiche, a comprenderne l’effettiva pericolosità per l’uomo, rendendo inutili in questo modo anche le sperimentazioni animali.

Lo specchio di chiama VICE (VIrtual Mirror CEll) ed è in grado di registrare un’immagine a punti fluorescenti che indica la risposta cellulare alle sostanze in modo non invasivo – senza cioè il prelievo di campioni. Una volta messo a punto questo nuovo metodo, lo specchio registrerà i segnali elettrici provenienti da cellule neuronali e cardiache umane, permettendo così di valutare gli effetti acuti e cronici di diverse sostanze sulla salute umana (neurotossicità e cardiotossicità).

Si pensi che la tossicità dei farmaci a livello cardiaco o neurologico provoca il ritiro dal mercato di più della metà dei nuovi farmaci (60%): nelle prime fasi di sviluppo, infatti, i ricercatori determinano attraverso la sperimentazione se una data sostanza più danneggiare o uccidere le cellule del nostro organismo. Tuttavia, questo tipo di test presenta un inconveniente principale: il test in vitro manca di accuratezza, limitandosi a mostrare eventuali effetti collaterali immediati e lasciando aperti interrogativi su possibili controindicazioni delle sostanze nel lungo periodo. Lo “specchio”, invece, permette l’osservazione dell’interazione fra cellule e sostanza da testare anche per settimane, offrendo una panoramica più ampia e precisa sugli eventuali effetti collaterali.

Ma come funzionerà esattamente questo specchio?

La risposta delle cellule all’interazione con la sostanza chimica viene registrata da un biosensore – in pratica, una camera microfluidica dove l’attività elettrica delle cellule durante l’interazione con la sostanza è tradotta in punti luminosi attraverso l’uso di fluorofori. Questa camera microfluidica registrerà le reazioni delle cellule e le riprodurrà in maniera visibile, proprio come un vero specchio (è importante sottolineare che questo tipo di test non interagirà con le cellule e non le contaminerà in alcun modo). Il biosensore VICE è realizzato grazie alla collaborazione di tossicologi e sviluppatori di nanotecnologie, e potrà essere utilizzato in svariati campi – dalla tossicologia alla farmacologia alla biologia di base.

Il progetto TOX-Free durerà 3 anni e il suo consorzio coinvolge partner accademici e industriali. Coordinatore del progetto è il ricercatore Michele Dipalo, del Laboratorio di Plasmon Nanotechnologies dell’IIT di Genova, guidato da Francesco De Angelis. Dipalo e De Angelis sono tra i fondatori della start-up di IIT Foresee Biosystems, volta alla realizzazione di strumenti innovativi per valutare con maggior accuratezza la sicurezza dei farmaci prima della loro commercializzazione.

Seguici su Telegram | Instagram Facebook | TikTok | Youtube

Fonte: Istituto Italiano di Tecnologia

Ti consigliamo anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Ho 25 anni e sono laureata in Lingue Straniere. Sono da sempre attenta alle problematiche ambientali e rivolta a uno stile di vita ecosostenibile. Tento nel mio piccolo di ridurre al minimo l’impronta ambientale con scelte responsabili nel rispetto della natura che mi circonda.
Seguici su Instagram
Seguici su Facebook