Le scuole britanniche stanno usando robot autopulenti per disinfettare le classi con i raggi UV

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Robot in azione per sanificare le scuole in vista del ritorno in classe degli studenti. In alcuni istituti della Gran Bretagna anche la robotica è al servizio delle scuole, per accelerare e favorire il rientro in sicurezza di bambini e ragazzi.

Mentre in Italia ancora ci si interroga su come e quando rientrare in classe, nelle scuole inglesi si corre a suon di raggi UV per rendere tutte le superfici a prova di coronavirus. Negli ultimi mesi si sono moltiplicate le tecnologie adatte a tali scopi, molte delle quali basate proprio sui raggi ultravioletti. (Leggi anche: I raggi ultravioletti hanno davvero un potere germicida contro il coronavirus. La conferma italiana)

Una di queste si chiama Sterilight Robots ed è attualmente in uso in alcune scuole del Regno Unito. Il robot mira a prevenire e ridurre la diffusione di malattie infettive e virus utilizzando potenti raggi UV che ne abbattono la struttura del DNA.

Sterilight Robots ha pattugliato aule e corridoi e grazie al potente raggio UV sulle superfici ha reso gli edifici “Covid-19 free”, in attesa del ritorno di alunni e insegnanti.

“Tutto ciò che la luce tocca è sterilizzato. Questa tecnologia è nuova in quanto elimina la necessità di qualsiasi lavoro manuale” ha spiegato Gary Oualnan, co-inventore del robot.

Secondo Oualnan, prima, i robot venivano programmati per eseguire alcuni metri di lavoro prima che l’operatore dovesse entrare di nuovo nella stanza e mappare la parte successiva ma la nuova tecnologia, studiata e introdotta proprio durante la pandemia, evita la presenza dell’uomo, limitando così l’esposizione umana all’interno di luoghi potenzialmente contaminati.

“Il fatto è che gli umani possono inavvertitamente perdere certe aree o non esporle abbastanza a lungo al raggio. Questa tecnologia si sbarazza completamente di ciò. Una tecnologia simile è stata utilizzata contro la SARS un decennio fa negli ospedali. Ci siamo basati su di essa pper affrontare il coronavirus”.

I robot fanno praticamente tutti da soli. L’operatore li guida solo per la stanza una volta, consentendo loro di scansionare l’ambiente e creare una mappa digitale. Dopo 10-15 minuti la stanza è perfettamente sterilizzata.

E in Italia ancora aspettiamo di sapere se le scuole riapriranno, parliamo di banchi a rotelle e ci stiamo abituando all’idea che bambini e ragazzi dovranno indossare la mascherina per ore.

Fonti di riferimento: Sterilight Robot, Disabledliving.co.uk/The Telegraph /

LEGGI anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
Deceuninck

Nuova era delle finestre: con la ThermoFibra diventano 100% riciclabili

eBay

Come scegliere il gazebo perfetto

eBay

Come guadagnare online con i LEGO e le carte da gioco

LCI

Come il giornale e la carta che butti diventano un nuovo materiale

NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook