Perché si chiama Super Mario? La storia di gratitudine che non ti aspetti dietro all’iconico idraulico Nintendo

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Sai perché Nintendo scelse questo nome per il suo iconico eroe baffuto? Vi raccontiamo come Super Mario debba il suo nome all’imprenditore Mario Segale. 

Mario Segale è stato l’uomo che ha ispirato il nome di Super Mario. Lui non era un idraulico, non aveva i baffi e – ovviamente – non aveva come animale domestico un dinosauro. Quindi non è stato il suo aspetto fisico ad essere d’ispirazione, ma bensì le sue azioni. Con la sua pazienza e comprensione, contribuì a salvare la Nintendo da un periodo difficile, guadagnandosi così l’onore di dare il nome al personaggio più iconico che l’azienda giapponese abbia mai creato.

La relazione tra Mario Segale e Nintendo

Nel 1981, la Nintendo arrivò negli Stati Uniti per sviluppare la sua filiale Nintendo of America, sotto la supervisione del suo presidente Minoru Arakawa. Per farlo, si decise di affittare un magazzino nella città di Tukwila nello stato di Washington, la cui proprietà era di Mario Segale, un affermato imprenditore figlio di immigrati italiani.

Quella che oggi conosciamo come una rinomata azienda d’intrattenimento a livello mondiale, all’inizio, ebbe forti problemi economici che avrebbero potuto mettere in serio rischio il suo futuro. Nintendo stava ancora lavorando a Donkey Kong quando Segale arrivò personalmente nel magazzino chiedendo il pagamento degli affitti arretrati.  Dopo una lunga conversazione, Arakawa riuscì a convincerlo a non sfrattarli e gli promise di pagare il prima possibile. Per ringraziare Segale e ricordare quell’esperienza, gli sviluppatori e Arakawa decisero di cambiare in Super Mario il nome di Jumpman, il protagonista di Donkey Kong.

Ecco la storia su come è stato scelto il nome del personaggio più importante e famoso della Nintendo, nonché un’icona della nostra cultura popolare.

Ti potrebbe interessare anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Comunicatrice sociale specializzata in giornalismo ambientale e terzo settore, un master in Comunicazione Ambientale e uno in Innovazione Sociale. In greenMe ha trovato il suo habitat ideale.
ECS

Ripartire in green: come alberghi e strutture ricettive possono rilanciarsi investendo sul turismo verde

Foodspring

Colazione proteica vegan per chi la mattina ha il tempo contato

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook