‘Ma che dici?’: il divertente gesto italiano diventa un emoji

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Il Consorzio Unicode ha approvato un nuovo emoji che si ispira a un gesto tipicamente italiano, il nostro “ma che dici?” o “ma che vuoi?“. Si tratta della cosiddetta mano “a cuoppo“, la mano chiusa con i polpastrelli che si toccano, che farà parte della nuova versione 13.0 del pacchetto emoji, che includerà in tutto 113 novità.

Merito dell’italiano Adriano Farano, che l’ha proposto in collaborazione con Jennifer Lee e il disegnatore Theo Schear.

Nella presentazione si legge che “gli italiani parlano con le loro mani“, una “lingua” che li caratterizza ma che finora non è mai entrata a far parte del linguaggio emoji. Nonostante si tratti, come ha evidenziato Isabella Poggi, professore all’Università di Roma Tre, di “un lessico di gesti paragonabili per dimensioni e raffinatezza al lessico del linguaggio dei segni per il sordo”, particolarmente diffuso soprattutto nel sud.

Tra gli innumerevoli gesti, è stata proposta proprio la “mano a cuoppo“, che si muove avanti e indietro ponendo una domanda sarcastica, perché è tra i più significativi e universali, usato non solo in Italia ma anche in altri paesi.

Sarà bello e divertente poter utilizzare questo gesto anche online!

Ti potrebbe interessare anche:

Photo Credit: twitter

 

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Scienze dei Beni Culturali, redattrice web dal 2008 e illustratrice dal 2018, ha pubblicato per Giochidimagia Editore "Il sogno attraverso il tempo". Con SpiceLapis ha realizzato "Memento Mori, guida illustrata ai cimiteri più bizzarri del mondo".
Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook