Buon compleanno Lucy! Un doodle di Google per festeggiare la nostra antenata

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Ben 41 anni fa, l’australopiteco Lucy venne ritrovato da un team di paleontologi in Etiopia. Una scoperta che avrebbe cambiato la storia e che oggi Google celebra con uno dei suoi doodle.

Era il 24 novembre 1974 quando ad Afar i paleontologi Yves Coppens, Donald Johanson, Maurice Taïeb e Tom Gray individuarono i resti di una femmina di A. afarensis di circa 25 anni, vissuta circa 3,2 milioni di anni fa. Una nostra piccola antenata, alta poco più di un metro e con un peso tra i 30 e 45 kg. Ma molto importante, probabilmente l’anello di congiunzione fra la specie umana e la scimmia.

Lucy presentava infatti denti simili a quelli dell’uomo ma il suo cranio era ancora molto simile a quello delle scimmie. La piccola antenata però è importante anche per un altro motivo. I frammenti scheletrici rinvenuti nel paesaggio etiopico forniscono l’esempio più completo di Australopithecus afarensis mai trovato. L’osso pelvico, il femore e la tibia erano intatti. Ciò ha permesso ai paleontologi di ipotizzare che Lucy e la sua specie fossero già bipedi.

Secondo alcune ricostruzioni, Lucy sarebbe morta sulle rive di una palude ma i suoi resti non furono mai toccati. Il corpo venne sommerso dal fango e si fossilizzò nel corso dei millenni.

Lucy

Foto:Wiki

Curiosità. Il suo nome vero nome è A.L. 288 ma questa piccola ominide è stata ribattezzata Lucy in onore della canzone Lucy in the Sky with Diamonds dei Beatles. In amarico è nota come Dinqinesh, il cui significato è “Tu sei meravigliosa”.

Questa scoperta ha permesso di riscrivere un capitolo significativo della storia dell’evoluzione umana. Per questo oggi Google festeggia il 41° anniversario di quel momento storico.

Francesca Mancuso

LEGGI anche:

ETIOPIA, TROVATI I RESTI DI UNA NUOVA SPECIE UMANA (VIDEO)

NELLA PREISTORIA UOMINI E DONNE AVEVANO PARI DIRITTI E ANCHE GLI UOMINI ACCUDIVANO I BAMBINI

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook