Fukushima: la citta’ fantasma vittima del nucleare fotografata da Google

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Fukushima, due anni dopo il terremoto e lo tsunami che distrussero una vasta area del Giappone, alcune persone non sono più rientrate nelle loro case e non hanno avuto neanche la possibilità di rivederle, di visitare il luogo in cui avevano vissuto. È accaduto a Namie-machi, una piccola città della prefettura di Fukushima, da 25 mesi disabitata. Le telecamere di Google si sono spinte al suo interno, per regalare ai suoi ex abitanti la possibilità di rivederla ancora una volta.

O meglio, di guardare ciò che resta della città. Nonostante siano passati due anni dal disastro, alla gente del luogo non è ancora permesso rientrare a Namie-machi. Molti sfollati hanno chiesto di vedere lo stato attuale della loro città. Per motivi di sicurezza ciò non è stato possibile, almeno fisicamente.

Grazie al sindaco di Tamotsu Baba, Namie-machi è finita su Google. Le auto di Street View hanno attraversato il paese catturando immagini panoramiche della città abbandonata esattamente così com’è oggi. Le immagini sono adesso a disposizione su Google Maps, tra esse quella di questa strada, una delle arterie principali di Namie-machi, spesso utilizzata per eventi all’aperto, come i Ten Days of Autumn festival, con 300 bancarelle di strada e 100.000 visitatori.

fukushima google strada

Molti edifici sono crollati durante il terremoto, e non è stato ancora possibile rimuovere le macerie: “Non siamo neanche in grado di riparare gli edifici danneggiati né i negozi, per prepararli ad un nuovo potenziale impatto con scosse di assestamentoracconta il sindaco.

fukushima google scuola

Questa immagine, sotto, mostra un’area situata ad un chilometro dall’Oceano Pacifico, nell’entroterra. Sopra si può vedere la scuola elementare Ukedo. Nelle vicinanze il Porto Ukedo che prima del sisma vantava 140 imbarcazioni da pesca e 500 edifici. Ma ha subito alcuni dei danni peggiori provocati dallo tsunami.

fukushima google porto

Dal disastro, il resto del mondo si è mosso in avanti, e molti luoghi in Giappone hanno iniziato a riprendersi. Ma a Namie-machi il tempo si ferma. Con il pericolo nucleare persistente, siamo solo stati in grado di fare un lavoro superficiale per due anni interi”.

Non solo per gli abitanti. Le immagini di Namie-machi che Google ha messo a disposizione serviranno a ricordare a tutti i danni legati all’incidente nucleare. Quasi un monito, rivolto a chi ancora crede che l’atomo sia una scelta sicura.

Francesca Mancuso

Leggi anche:

Fukushima: un blackout elettrico fa tornate la paura nella centrale giapponese

Il pesce con 3 occhi vicino alla centrale nucleare

Fukushima: rischi di tumore aumentati nella popolazione. Allarme dell’oms e le critiche di Greenpeace

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook