Facebook insieme a Greenpeace per un futuro di energia pulita

Facebook e Greenpeace sotterrano “l’ascia di guerra” e insieme si impegneranno a promuovere le rinnovabili. Dopo aver lanciato diverse campagne contro il social network più famoso del mondo, molte delle quali servendosi proprio del social network più famoso del mondo, e dopo l’impegno preso dall’azienda di Zuckemberg di limitare l’utilizzo di fonti fossili per i propri server seguito a queste, Greenpeace collaborerà insieme a Facebook per diffondere le energie rinnovabili e incoraggiare le aziende energetica a puntare sulle fonti pulite.

La partnership annunciata oggi attraverso un comunicato di Greenpeace, mira a sviluppare programmi e applicazioni che consentiranno agli utenti di facebook di risparmiare corrente oltre che coinvolgere le community in scelte a favore dell’energia green. L’intesa mette fine e conclude ufficialmente la campagna di Greenpeace Unfriend Coal lanciata due anni fa contro il colosso di Palo Alto.

Greenpeace e Facebook lavoreranno da oggi insieme per convincere i principali produttori di energia ad abbandonare il carbone e a investire sulle fonti rinnovabili. – annuncia Tzeporah Berman, co-direttrice della campagna Energia e Clima di GreenpeaceInternational – Solo perseguendo la strada delle energie pulite sarà possibile lottare contro i cambiamenti climatici, rafforzare l’economia e tutelare la salute dei cittadini“.

E così Facebook mette nero su bianco il suo impegno ad utilizzare energia pulita per le sue attività a cominciare dai data center, iniziando anche a pianificare un confronto con i suoi fornitori elettrici. E si avvarrà proprio del supporto di Greenpeace per portare avanti la ricerca sull’efficienza energetica attraverso l’Open Computer Project con l’obiettivo di spingere anche altre compagnie del comparto IT a seguire l’esempio con simili politiche.

Facebook guarda lontano, a un giorno in cui le fonti energetiche primarie saranno pulite e rinnovabili, e stiamo lavorando conGreenpeace e con altri per far sì che quel giorno sia sempre più vicino. – afferma Marcy Scott Lynn del Facebook’s sustainability programDa oggi, la nostra politica sulla localizzazione dei data center favorirà l’accesso alle fonti rinnovabili e con Greenpeacemetteremo la forza del nostro network al servizio del pianeta. Greenpeace è stata particolarmente efficace nell’usare Facebook per l’ambiente, e siamo emozionati all’idea di lavorare insieme per permettere ai nostri utenti di misurarsi sul social network con le questioni energetiche che più stanno loro a cuore“.

L’impegno di Facebook rilancia la sfida alle altre aziende dell’IT e del cloud computing come Apple, IBM, Microsoft e Twitter – ricorda Andrea Boraschi, responsabile della campagna Energia e Clima di Greenpeace Italia – Abbiamo dimostrato che le persone, in ogni parte del mondo, vogliono che i social network, e più in generale la Rete, siano alimentati da fonti pulite e non dal carbone.Greenpeace continuerà a misurare, investigare e fare campagne sui progressi del settore verso il green cloud computing‘”.

Direttore responsabile ed editoriale di greenMe. Ha una laurea in Scienze della comunicazione e un'esperienza pluriennale negli uffici stampa. In greenMe ha trovato il modo di dare sfogo alla sua "natura" più vera.
Gewiss

Joinon: le nuove colonnine di ricarica smart che si gestiscono via app

Coop

L’impegno di Coop nell’emergenza coronavirus

Izanz

Quanti e quali tipi di zanzare esistono in Italia?

TuVali

+ di 100 corsi online su Salute e Benessere, a partire da 5€ su TuVali.it

Roma Motodays
Seguici su Instagram
seguici su Facebook