Earth Day 2020: tutti i 20 doodle con cui Google ha festeggiato la Giornata della Terra negli anni

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Anche Google, come del resto ha fatto da venti anni a questa parte,  festeggia l’Earth Day 2020 dedicando alla 50° Giornata della Terra, uno dei suoi celeberrimi Google Doodles, ovvero i loghi artistici disegnati appositamente per ricorrenze e iniziative speciali. Un anniversario speciale non solo perché raggiunge il mezzo secolo, ma anche per le particolari condizioni in cui tutto il mondo si trova a vivere per via della pandemia. E

Per meglio comprendere e ammirare l’evoluzione compiuta dal motore di ricerca più usato al mondo nel voler festeggiare l’Earth Day, vogliamo riproprovi tutti gli altri Google Doodles utilizzati nella storia dal colosso di Mountain View per dire “buon compleanno Mamma Terra”. Anche perché in più della metà di questi c’eravamo anche noi e li abbiamo “festeggiati” insieme.

Un viaggio nella storia dei doodle del 22 aprile dal 2000 al 2020 che mostra l’evolversi delle tematiche scelte per celebrare il nostro pianeta, ma anche della tecnologia. Da semplici immagini del logo modificato dei primi anni alle complesse animazioni, quiz e video degli ultimi.

2020

earth-day-doodle-2020

@Google

Nel cinquantesimo anno della Giornata della Terra, dove tutto il mondo è praticamente in quarantena e proprio il Pianeta torna a respirare Google dedica il suo logo alle api, insetti fondamentali per la tutela e la salvaguardia della biodiversità anche alimentare. Le api proprio in questi giorni  sono tornate a invadere anche le città grazie ai fiori selvatici che stanno spuntando nei marciapiedi e nelle strade di tutto il mondo.

2019

earth_day_2019

Nel 2019 il Doodle è un’animazione che ripercorre i diversi “record” di biodiversità, dall’albero più grande al vertebrato più piccolo del mondo. Curiosità simpatiche e preziose che rappresentano solo una piccola parte della diversità, dell’uniciità e delle meraviglie che si possono trovare tra le forme di vita sul pianeta che chiamiamo “casa”.

Le potete rivedere qui

vertebrato piccolo

2018

Nel 2018 il logo di Google si trasforma in un omaggio a uno dei più influenti sostenitori del pianeta: l’etologa e ambientalista Jane Goodall la principale esperta di primati che ha dedicato la sua vita proprio alal protezione del nostro ambiente. Nel video Jane condivide il suo messaggio personale al mondo durante la Giornata della Terra 2018, le origini della sua ispirazione e cosa possiamo fare tutti epr avere un impatto positivo sul nostro pianeta.

2017

doodle google 2017

Nel 2017 Google al posto del suo logo presenta una vera e propria ministoria illustrata di una volpe che sogna una Terra che è stata inquinata e influenzata negativamente dai cambiamenti climatici. La volpe si sveglia di soprassalto e inizia urgentemente a fare piccoli cambiamenti nello stile di vita per prendersi cura della Terra. Lungo la strada, la volpe anima due suoi amici per unirsi alla sua ricerca per proteggere e coltivare l’ambiente. Per combattere cose come lo sbiancamento dei coralli e l’inquinamento, i tre eco-rangers sono ispirati ad agire con azioni quotidiane come mangiare meno carne e scollegare i dispositivi elettronici inutilizzati. È un lavoro eroico per piccoli animali!

2016

Nel 2016 Google si fa in 5 per di evidenziare i 5 principali biomi della Terra: la tundra, la foresta, le praterie, il deserto e le barriere coralline. In ogni illustrazione veniva visualizzato un animale che è stato scelto per i suoi 15 minuti di fama. Ad ogni accesso all’home del motore di ricerca veniva visualizzato casualmente uno dei cinque doodle. Continuando a refreshare la pagina si riusciva così  ad ammirare “un lato diverso dell’immensa bellezza della Terra”.

elefanti doodle

foresta_volpe_rossa

2015

earth_day_quiz

Nel 2015 Google si è inventato un test della personalità, per scoprire qual è l’animale che abita in noi, passando dal tasso del miele, al pangolino, al calamaro gigante:

2014

doodle earthday 2014

Nel 2014 colibrì, pesce palle e camaleonte sono stati i protagonisti del Doodle. Gli animali scelti sono a rischio, anche se l’obiettivo del doodle probabilmente era quello di diffondere la conoscenza di queste creature.

2013

Nel 2013 Google scelse di omaggiare il nostro Pianeta con un doodle animato, un vero e proprio minifilmato che si attivava premendo un pulsante. Pulsante che si trasformava poi nel Sole, l’astro “pulsante” che permette la vita sulla Terra e che regola i cicli delle giornate e delle stagioni sulla Terra.

Ed è così che montagne, fiumi e alberi si trasformavano adattando i propri colori alla notte, e poi di nuovo al giorno per far susseguire l’autunno all’inverno e alla primavera. Un doodle animato e interattivo con la quale gli utenti avevano anche la possibilità di cliccare nel disegno per veder partire delle animazioni all’interno.

giornata terra notte

doodle autunno

2012

Nel 2012 mister G sceglie di far letteralmente fiorire la celebre scritta del motore di ricerca più utilizzato al mondo.

google doodle pre

All’accesso, infatti, il logo di Google sembra un graffito di muschio verde in cui pian piano fioriscono colorati fiori di differenti varietà a seconda della lettera. Un omaggio alla vita e alla biodiversità.

doodle google earth day

2011

Nel 2011 Google ha dato spazio a foreste e fiumi, in un immagine ricca di animazioni e di “effetti speciali” che si svelavano al passaggio del mouse per ribadire la bellezza e la fragilità degli ecosistemi:

googleXEarthDAy

2010

earthday10-hp

2009

earthday-2009

2008

earthday-2008

2007

earthday-2007

2006

earthday-2006

2005

earthday-2005

2004

earthday-2004

2003

earthday-2003

2002

earthday-2002

2001

earthday-2001

A voi tra questi quale piace di più?

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Direttore responsabile ed editoriale di greenMe. Ha una laurea in Scienze della comunicazione e un'esperienza pluriennale negli uffici stampa. In greenMe ha trovato il modo di dare sfogo alla sua "natura" più vera.
Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook