Arati Saha: l’omaggio alla prima donna asiatica ad aver attraversato a nuoto la Manica

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Un doodle dedicato alla nuotatrice indiana Arati Saha, per celebrare l’80° anniversario della nascita. Scomparsa nel 1994 a Calcutta, la sua città natale, Arati si è resa protagonista di un’impresa rimasta nella storia. È stata infatti la prima nuotatrice asiatica ad aver attraversato a nuoto il Canale della Manica.

Era il 29 settembre 1959 quando Saha percorse 42 miglia mozzafiato da Cape Gris Nez, in Francia, a Sandgate, in Inghilterra, il percorso rappresentato nel Doodle di oggi) diventando così la prima donna asiatica ad attraversare la Manica, un’impresa considerata l’equivalente della scalata dell’Everest.

Arati Saha è nata il 24 settembre 1940 a Calcutta, nell’India britannica. A quattro anni, imparò a nuotare sulle rive del fiume Hooghly e la sua abilità precoce in acqua presto fu notata da uno dei migliori nuotatori  dell’India, Sachin Nag. Sotto l’ala di Nag, Saha vinse la sua prima medaglia d’oro nel nuoto a soli cinque anni, e non fu l’ultima.

Fu una vera e propria bambina prodigio che bruciò record su record: a soli 11 anni, Saha divenne il membro più giovane (e una delle sole quattro donne) della prima squadra a rappresentare l’India, da poco indipendente, alle Olimpiadi estive del 1952 a Helsinki, in Finlandia. A 8 anni, fece il suo primo tentativo di attraversare il Canale della Manica e, sebbene non ebbe successo, non si arrese e riprovò. Circa un mese dopo, riuscì a superare onde e correnti e completò il suo viaggio: fu una vittoria storica per tutta le donne dell’India.

In onore dei suoi successi duraturi, Saha divenne la prima donna in assoluto a ricevere il premio Padma Shri in India nel 1960.

doodle arati

©Lavanya Naidu/Google

Per questo Google ha deciso di regalarle un doodle oggi, realizzato da Lavanya Naidu, artista sua concittadina:

“Essendo nata e cresciuta nella città di Calcutta, per me Arati Saha era un nome familiare. Io e mio fratello eravamo appassionati collezionisti di francobolli da bambini e ricordo la nostra eccitazione quando il suo francobollo venne emesso negli anni ’90! Avere l’opportunità di celebrare ora i suoi successi con questo doodle è davvero un onore!” ha spiegato l’illustratrice. “Ho tratto ispirazione dal risultato più celebre di Saha ossia aver attraversato il Canale della Manica diventando la prima donna asiatica a farlo! Volevo assolutamente rappresentare quella pietra miliare nel doodle e ho provato alcune varianti prima di arrivare alla mappa. Spero che si aggiunga alla celebrazione delle figure femminili nella storia del nostro Paese e della resilienza umana. Spero anche che sia un’ispirazione per le persone di tutto il mondo affinché sognino in grande”.

Prima di Saha, altre donne di diversa nazionalità avevano attraversato la Manica. La prima nel 1926 fu l’americana Gertrude Ederle, seguita dalla connazionale Amelia Gade Corson, che nuotarono in entrambe le direzioni. Nle 1927, toccò poi alla prima donna britannica, Mercedes Gleitze.

Fonte di riferimento: Google

LEGGI anche:

 

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook