Earth Day 2020, il Doodle di Google fa gli auguri alla Terra con le api

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Un’ape che vola di fiore in fiore, realizzando la sua preziosissima missione: l’impollinazione. A questi instancabili insetti oggi Google ha dedicato il proprio doodle per celebrare la Giornata della Terra, l’Earth Day 2020.

Il Doodle di oggi ci ricorda come le piccole azioni quotidiane, eseguite da ogni persona del mondo, possono portare a grandi risultati: è questo il lavoro delle api, sempre più minacciate e a rischio a causa dei cambiamenti climatici, della diffusione di parassiti, ma soprattutto dall’uso di pesticidi, molti dei quali, nonostante i divieti, continuano a contaminare i campi europei mettendo in pericolo sia la loro sopravvivenza che la sicurezza alimentare globale. Basti pensare che dal loro ruolo degli impollinatori dipende il 70% della produzione agricola mondiale e del cibo che portiamo a tavola.

Il doodle, realizzato in collaborazione con “The Honeybee Conservancy”, permette di guidare l’ape nell’impollinazione dei fiori, scoprendo tante curiosità sul loro ruolo degli insetti per la vita del nostro pianeta, sia umana che animale e vegetale.

“Ciò che amiamo del Google Doodle di oggi è il modo in cui cattura l’impatto che una singola ape ha sulle piante e sugli habitat che visita. Immagina quindi, il potere impollinatore che trilioni (sì, trilioni!) di api hanno sugli ecosistemi di tutto il mondo! Il Doodle di oggi ci ricorda anche come le piccole azioni eseguite dagli individui di tutto il mondo si sommano a grandi risultati. E se l’apicoltura potrebbe non essere per tutti, ci sono molti modi semplici per aiutare a salvare le api, anche nel distanziamento sociale di oggi” spiega il  fondatore e direttore esecutivo di The Honeybee Conservancy, Guillermo Fernandez.

Il Doodle è stato guidato dal Doodler Gerben Steenks, con la progettazione Jacob Howcroft e Stephanie Gu:

“La sfida più divertente per questo Doodle è stata quella di generare un mondo infinito. Il giocatore può continuare a impollinare per sempre, quindi dovevamo creare un ambiente generato casualmente, ma comunque naturale. Dato che il gioco continua fino a quando lo desideri, puoi finire di vedere migliaia di fiori, alberi e cespugli. Ottimizzare il nostro codice per assicurarci di poter includere tutto questo contenuto è stato sicuramente impegnativo. Speriamo che le persone capiscano l’importanza delle api per la terra e per l’umanità” spiega il team di Google.

Anche noi possiamo prendere esempio da loro e contribuire a salvarle. Come? Google fornisce alcuni consigli:

1. Supporta l’apicoltore locale

Quando acquistiamo prodotti a base di miele e cera d’api, scegliamo quelli locali aiutando gli apicoltori locali che allevano in modo sostenibile le api e ne rafforzano la comunità.

2. Dona tempo o fondi a gruppi ambientalisti locali

Le api fanno parte di un ecosistema complesso e i contributi alle organizzazioni che supportano qualsiasi sforzo di conservazione aiuteranno a rafforzare l’ambiente.

3. Crea paradisi sicuri per le api autoctone

La maggior parte delle api autoctone ha uno stile di vita solitario: il 30% vive in buche all’interno degli alberi e il 70% vive sottoterra. Possiamo aiutarle creando loro un riparo fornendo terreno o cassette di nidificazione.

4. Crea un bagno per le api

Riempi una ciotola per uccelli poco profonda con acqua pulita e disponi le pietre all’interno in modo che sporgano dall’acqua. Le api atterreranno su di esse per bere durante le pause dal foraggiamento e dall’impollinazione.

5. Crea un giardino “impollinatore”

Può essere molto utile diversificare le fonti di nutrizione delle api abbellendo gli spazi del nostro giardino/balcone con piante di cui vanno ghiotte. Qui alcuni suggerimento su piante e fiori per attirare le api.

Fonti di riferimento: Google

LEGGI anche:

#Abbracciamola: il flash mob virtuale per celebrare la Terra in occasione dell’Earth Day

Earth Day 2020: domani maratona multimediale per la 50esima Giornata Mondiale della Terra ai tempi del coronavirus

Come (e perché) ospitare le api solitarie nel proprio giardino ?

Api, vespe, bombi and Co: la nostra simpatica guida per riconoscere gli insetti ‘pungenti’ ?

 

 

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook