Drone Aquila test di volo

Facebook traghettatore di internet grazie a un drone a energia solare. Con Aquila, di cui si è conclusa in questi giorni la prima prova di volo, la società di Mark Zuckerberg ha dato ufficialmente inizio all’ambizioso progetto di fare arrivare internet a 1,6 miliardi di persone che attualmente vivono in località remote senza accesso alle reti mobili a banda larga.

Il web, dunque, in ogni dove per fornire “informazione, opportunità e connessioni umane, tutto ciò che meno della metà del mondo ancora non ha”.

LEGGI anche: LA BIBLIOTECA SOSTENIBILE E OFF-GRID PER PORTARE I LIBRI NELLE ZONE PIÙ POVERE (FOTO E VIDEO)

Così si legge sul sito del social network più famoso del mondo, che non a caso ha creato il Connectivity Lab, un ramo dell’azienda che si occupa proprio della diffusione della Rete e di realizzare nuove e più sofisticate tecnologie, tra cui aerei, satelliti e sistemi di comunicazione senza fili, con l’obiettivo di connettere tutto il Pianeta, comprese le aree più remote.

Ma cos’è Aquila e a cosa funziona?

Rientrante nell'iniziativa Internet.org, Aquila è un drone a energia solare dall'apertura alare superiore a quella di un Boeing 737 e dal peso corrispondente a un terzo di un'automobile elettrica. Un vero e proprio velivolo senza pilota pensato per volare a un'altitudine tra i 60mila e i 90mila piedi (tra i 18mila e i 27mila chilometri circa) per 90 giorni consecutivi consumando 5mila watt di potenza.

aquila zuck
 
aquila corre

Un'altezza che permette di fornire connessioni a Internet sulla terraferma in un'area dal diametro che arriva quasi a 100 chilometri attraverso comunicazioni laser e sistemi a onde millimetriche.

LEGGI anche: IL MAESTRO AFGHANO CHE PORTA I LIBRI IN BICI AI BAMBINI CHE NON POSSONO ANDARE A SCUOLA (VIDEO)

Il primo test di volo

Durante il test, o “controllo funzionale” – come lo chiamano da Facebook, Aquila è rimasto in quota per 96 minuti (più del triplo del tempo rispetto al minimo previsto per questa missione) permettendo a Facebook di raccogliere dati utili per migliorare i progetti su cui sta lavorando. Alla quota di crociera di 2.150 piedi, il prototipo di drone ha consumato 2mila watt di potenza (più o meno come un asciugacapelli o un forno a microonde).

Aquila è un velivolo autosufficiente – scrive Zuckerberg – e si basa su un equipaggio di terra fatto da una dozzina di ingegneri, piloti e tecnici che dirigono e controllano l'aereo attraverso il software che permette loro di determinare altitudine e velocità, dando indicazioni in base a percorsi basati su GPS. Decollo e atterraggio sono automatici. Nessun pilota umano può atterrare in un luogo preciso. Un software, invece, può farlo”.

aquila scheda

Un lodevole progetto? Sì certo, perché no. Vero è, lo dicono i dati dell'ultimo rapporto della Banca Mondiale, 4,2 miliardi di persone al mondo oggi sono ancora offline. Ma non vi sembra una fetta abbastanza ghiotta per chi con internet riesce a fare un business? In più, Facebook, nello specifico, ha dalla sua più di un miliardo e mezzo di iscritti. Se dovesse riuscire a connettere l’altra metà del globo, non pensate sarebbe davvero un gran bel colpaccio per la ricchezza di pochi?

Germana Carillo 

maschera lavera 320

Lavera

Come preparare la pelle del viso all’estate in 5 mosse

greenMe su Instagram

Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
21 giugno 300 x 90
sai cosa compri
seguici su facebook
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram