I Know Where Your Cat Lives: la mappa mondiale dei felini (e degli umani distratti)

I Know Where Your Cat Lives

Gatti di tutto il mondo riuniti in un'unica mappa. Avete postato una foto del vostro micio sul web? Allora, forse, anche il vostro gatto è presente, insieme al vostro indirizzo di casa.

Che i gatti siano tra le star più popolari del web non è certo una sorpresa: i loro video su youtube diventano virali e le loro foto su facebook riescono ad ottenere più "mi piace" di quelle degli attori hollywoodiani.

Così teneri e buffi che diventa difficile resistere alla tentazione di mostrare a tutti i nostri amici l'ultima foto scattata al nostro simpatico peloso. Ed eccoli i nostri amici felini che diventano inconsapevoli protagonisti di un bizzarro progetto chiamato I Know Where Your Cat Lives (So dove vive il tuo gatto). In pratica, sono state raccolte oltre 15 milioni di foto feline e sono state piazzate su google map in corrispondenza degli indirizzi. Apparentemente si tratta di una mega mappa interattiva con i mici di tutto il modo in cui se non è già presente possiamo anche aggiungere la foto del nostro micio. Ma il fine non è il censimento universale felino, bensì dimostrare come senza nemmeno rendercene conto, stiamo comunicando a tutto il mondo i nostri dati personali. Infatti le foto scattate con gli smartphone contengono metadati tra cui, molto spesso, le coordinate geografiche del luogo in cui la foto è stata scattata. Questo significa che se il nostro GPS è attivato, e noi scattiamo una foto del nostro peloso sul divano, stiamo automaticamente scattando una foto di casa nostra, pronta per essere diffusa sui social network.

L'autore del sito non è un hacker e non ha fatto nulla di illegale, le foto provengono da Flickr e Instagram e sono tutte pubbliche, così come sono pubblici i dati ad esse collegati, solo che spesso non ne siamo consapevoli.

Il sito non nasce per esporre i proprietari di gatti ai malintenzionati, bensì per avvisarli dei pericoli per la loro privacy derivanti da un utilizzo troppo spesso superficiale delle nuove tecnologie. In qualsiasi momento si può richiedere la rimozione delle foto dal sito ed ottenere consigli per una condivisione più sicura.

È lo stesso autore del sito a precisarlo: "Il progetto esplora due usi di Internet: il sociale e gioviale apprezzamento dei felini domestici e lo status quo dell’utilizzo dei dati personali da parte delle startup e dalle grandi corporation internazionali, che solcano l’onda di una minore privacy per tutti".

Insomma, un monito per tutti coloro che con troppa leggerezza tendono a "condividere" ogni aspetto della propria vita privata. E se proprio non resistete, la prossima volta almeno cambiate le impostazioni del GPS!

Nel frattempo però potete già controllare se il vostro gatto è presente sulla mappa cliccando qui: http://iknowwhereyourcatlives.com/

Arturo Carlino

LEGGI anche:

Gatti fotografi: i mici vanitosi potranno fotografarsi da se’ grazie alle app