Prevedere ictus e infarti analizzando gli occhi grazie al nuovo algoritmo di Google

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

I ricercatori di Google hanno sviluppato un nuovo algoritmo che utilizza l’intelligenza artificiale per prevedere il rischio di infarto, ictus e altre malattie cardiovascolari. Come funziona? Analizza gli occhi!

Attacchi di cuore, ictus e altri eventi cardiovascolari continuano ad essere tra le maggiori cause di morte. Valutare dunque il rischio di incorrere in uno di questi problemi è un primo passo fondamentale per tutelare la salute pubblica.

Per individuare con anticipo la possibilità di sviluppare una malattia cardiovascolare, i medici prendono in considerazione una serie di fattori di rischio, alcuni genetici (come età e sesso), alcuni relativi allo stile di vita (come il fumo e la pressione sanguigna). Mentre la maggior parte di questi dati può essere ottenuta semplicemente chiedendo al paziente, altri fattori, come il colesterolo, richiedono un prelievo di sangue. I medici prendono anche in considerazione se un paziente soffre o meno di altre malattie come ad esempio il diabete, associato ad un aumento significativo del rischio di eventi cardiovascolari.

Ora Google, in collaborazione con la società Verily Life Sciences, studiando i dati relativi a 284.335 pazienti ha scoperto un algoritmo, “Deep Learning“, che potrebbe identificare i fattori di rischio in base all’età, alla pressione sanguigna, al sesso, al fatto che si fumi o meno semplicemente analizzando la retina del paziente.

Grazie ad una macchina fotografica e ad un microscopio, gli esperti sono stati in grado di raccogliere dati importanti sulla persona, i quali sono stati fatti poi analizzare da un software che è riuscito a sviluppare una previsione sul fattore di rischio cardiovascolare.

google algoritmo occhi

Lo studio, pubblicato su Nature Biomedical Engineering, ha sostanzialmente mostrato che, oltre a rilevare le patologie oculari, le immagini dell’occhio possono prevedere con precisione alcuni indicatori della salute cardiovascolare.

Analizzando nel dettaglio le retine, infatti, l’intelligenza artificiale di Google è stata in grado di differenziare i pazienti che avrebbero sofferto di un grave evento cardiaco nei cinque anni successivi e quelli che invece non ne avrebbero sofferto con un’accuratezza del 70%.

Così scrive l’autore principale dello studio, Lily Peng, in un blog di Google:

“Mentre i medici possono in genere distinguere tra le immagini retiniche di pazienti con ipertensione grave e pazienti normali, il nostro algoritmo potrebbe andare oltre la previsione della pressione arteriosa sistolica entro 11 mmHg in media per i pazienti in generale, compresi quelli con e senza ipertensione arteriosa”

Questa scoperta è particolarmente interessante poiché suggerisce che è possibile trovare nuovi modi per diagnosticare problemi di salute grazie alle immagini retiniche. Sono necessari però ulteriori test prima che l’algoritmo possa essere utilizzato in ambito clinico.

Se ti interessano alcuni consigli per ridurre il rischio infarto, ictus e altri eventi cardiovascolari leggi anche:

Francesca Biagioli

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Francesca Biagioli è una redattrice web che si occupa soprattutto di salute, alimentazione naturale, oli essenziali e fitoterapia, le sue passioni da sempre. Laureata in lettere moderne, con Master in editoria, ha poi virato le sue competenze verso il benessere olistico
Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook