Questo guanto ‘fa parlare’ i sordomuti: la geniale invenzione di due giovani adolescenti italiani

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

L’invenzione di due giovani studenti di Varese potrebbe rivoluzionare il mondo della comunicazione tra persone sordomute e udenti che non conoscono però il linguaggio dei segni (LIS). Si tratta di un guanto che è in grado di tradurre il LIS in una vera e propria voce.

Mateo Ibro e Antonio Falsetti, studenti dell’Isis Facchinetti di Castellanza (Varese), hanno rispettivamente 16 e 17 anni. Eppure la loro giovane età non gli ha impedito di realizzare uno strumento davvero geniale e utile lanciato in occasione di un progetto di educazione digitale di Microsoft.

I ragazzi hanno ideato una specie di guanto (chiamato Good morning) che, attraverso alcuni sensori collegati ad un’applicazione sullo smartphone, è in grado di tradurre il linguaggio dei segni in una voce. Come ha spiegato Antonio Falsetti: su anelli che si infilano sulle dita sono stati montati dei sensori di flessioni. Questi sono collegati ad una scheda Arduino, piattaforma ideata per la prototipazione, che è a sua volta collegata ad un altoparlante.

guanto sordi

Come funziona esattamente il guanto? La persona sordomuta lo indossa e comunica normalmente con i gesti tipici della lingua dei segni. I sensori posizionati sul dispositivo sono in grado di tradurre i suoi movimenti in bit e una app aiuta ad associare quanto la persona ha comunicato con i gesti alle diverse parole. Così mentre la persona sordomuta parla con la lingua dei segni, una voce sintetica traduce simultaneamente quanto vuole dire.

Insomma un’invenzione che, anche se al momento è solo un prototipo, potrebbe rivelarsi una vera e propria rivoluzione per le persone sordomute che spesso si trovano a dover comunicare con chi non conosce il linguaggio dei segni. Questo guanto potrebbe aiutarli a relazionarsi meglio con gli altri e anche agevolarli nel mondo del lavoro.

guanto sordi2

Il prototipo ha richiesto circa 150 euro per la realizzazione ma in futuro il guanto potrebbe costare intorno ai 500 euro. I due ragazzi sono intenzionati a portare avanti da imprenditori il futuro della loro invenzione e per questo si sono rivolti ad un professionista per ottenere il brevetto.

Leggi anche:

Francesca Biagioli

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Francesca Biagioli è una redattrice web che si occupa soprattutto di salute, alimentazione naturale, oli essenziali e fitoterapia, le sue passioni da sempre. Laureata in lettere moderne, con Master in editoria, ha poi virato le sue competenze verso il benessere olistico
Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook