Foldimate, la macchina che piega il bucato in 4 minuti (VIDEO)

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Piegare gli abiti dopo il bucato in soli 4 minuti. Non è impossibile se a farlo, al posto nostro, è una macchina. La macchina delle meraviglie per chi odia dover ripiegare ogni singolo capo dopo averlo lavato e fatto asciugare. La soluzione arriva dal CES 2018 e si chiama Foldimate.

Al salone della tecnologia, in corso a Las Vegas, la californiana Sunnyvale ha proposto una soluzione per farci risparmiare tempo dopo il bucato. Poco importa che si tratti di asciugamani, camicie o pantaloni.

FoldiMate sa riconoscerli, stirarli e piegarli meglio di come faremmo noi. Introdotta per la prima volta al CES dello scorso anno, la macchina ha fatto impazzire il mondo. Così, dopo aver ricevuto qualcosa come 8.000 richieste, adesso l’azienda ha davvero aperto i pre-ordini per la sua ultima versione, che dovrebbe essere disponibile alla fine del 2019 negli Usa e poi nel resto del mondo in base alla domanda, attraverso una partnership con il gruppo europeo di elettrodomestici BSH.

Grande quanto una lavatrice, Foldimate costerà circa $ 980 escluse tasse e spedizioni che dipendono dai vari paesi.

foldimate2

Sa piegare camicie, bluse abbottonate e pantaloni sia per bambini che fino alla taglia XXL per adulti. Rispetto al precedente, il nuovo modello in pre-ordine riesce a piegare asciugamani e federe, anche se le calze e gli indumenti intimi sono ancora rigorosamente esclusi dal menu.

Ecco come funziona:

Il precedente modello di FoldiMate presentava componenti aggiuntivi antipiega, che ora sono stati sacrificati per una migliore tecnologia di piegatura. In media, la macchina piega da 20 a 40 articoli in un tempo che va da 2 a 4 minuti.

Purtroppo però Foldimate non sa ancora stirare anche se la società ha detto che si tratta di una delle sfide future, che potrà essere aggiunta anche in base alle richieste dell’utenza.

LEGGI anche:

“Immagina di fare il tuo bucato in meno tempo di quello che impiegheresti per preparare una tazza di caffè” dice la società.

E tutto garantendo consumi elettrici esigui. Se siete tra quelli che impiegano davvero tanto tempo a piegare il bucato e siete disposti a spendere questa cifra, fateci un pensierino.

Francesca Mancuso

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook