©DANIEL CONSTANTE/Shutterstock

WhatsApp Pink, attenzione: la versione rosa dell’app è una truffa e ruba i dati

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Da qualche giorno circola una versione di WhatsApp “pink”, un invito a scaricare una nuova versione in rosa della celebre app che andrebbe a sostituire il tradizionale verde. Ma attenzione: si tratta di una truffa!

Dopo la truffa del codice a 6 cifre, ecco un inganno questa volta individuato dal ricercatore di sicurezza Rajshekhar Rajaharia che l’ha denunciato su Twitter. Altro non è, spiega Rajaharia, di un’app Android malevola che sfrutta il nome dell’applicazione di Facebook per intrufolarsi nei dispositivi degli utenti e sottrarre, tanto per cambiare, i dati sensibili.

In pratica, gli utenti ricevono un link che invita a scaricare questa versione di WhatsApp in cui l’interfaccia cambierebbe colore passando dal classico verde al rosa. Una volta installata, l’applicazione svanisce improvvisamente dalla schermata principale del dispositivo e resta attiva in background rubando i dati, prendendo il controllo della rubrica o inoltrando messaggi ai loro contatti con la richiesta di effettuazione del download dell’app.

Cosa fare allora?

Tre i consigli principali:

  • disinstallare immediatamente WhatsApp rosa
  • chiudere tutte le sessioni attive direttamente dalla sezione WhatsApp Web/Desktop accessibile dalle impostazioni dell’app ufficiale 
  • pulire la memoria del browser
  • diffidare dai messaggi sospetti che esortano a cliccare su link o invitano a installare applicazioni improbabili

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per greenMe dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.
eBay

Bricolage: le migliori soluzioni per organizzare al meglio i tuoi attrezzi da lavoro

eBay

Come scegliere la migliore piscina fuori terra per giardino o terrazzo

Consorzio del Prosecco

Salvaguardia della biodiversità e superfici destinate a siepi e boschetti: il contributo del Consorzio del Prosecco

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook