Ubice, quando il touch screen Nokia è di ghiaccio

ice_touch_screen

La Finlandia è la patria delle saune coi rametti di betulla, degli hotel ricavati nel ghiaccio, e dei telefonini. Appurato che non è consigliabile, per la salute del proprio cellulare, entrare in una sauna con in mano il telefono portatile, fra le curiosità finniche restano gli alberghi – igloo e i telefonini. Ah, e il ghiaccio. Se l’ice-hotels non rappresentano più una novità (esportati peraltro anche in Norvegia), nel Paese della lingua Suomi è stato pensato che, con l’arrivo del lungo inverno artico e delle (massimo) tre ore di luce al giorno, il ghiaccio e i cellulari, combinati insieme, potessero servire per dare il via a dei divertenti test.

Et voilà: ecco il primo touch screen “ghiacciato” del mondo. Ad averlo realizzato, manco a dirlo, è stata la Nokia, il gigante mondiale della telefonia mobile, che attraverso il proprio centro di ricerca Nrc (Nokia Research Centre, con sede a Tampere) ha sviluppato l’Ubice (o Ubiquotous Ice), un display interattivo inserito all’interno di un pannello di ghiaccio.

La base di partenza è stata una “parete” ghiacciata di 2 metri di larghezza per un metro e mezzo di altezza, dietro la quale è stato collocato un sistema di fotocamere e sensori a raggi infrarossi, che con la tecnologia rear-diffused illumination (Rdi) – peraltro già vista nel Microsoft Surface presentato nel 2008 – “avvertono” il passaggio della mano dell’utente grazie alla trasmissione dei dati recepiti dallo schermo (inserito grazie a un’operazione compiuta con un particolare riscaldatore), che graficamente si traducono in strisce e fiammate colorate.

Si tratta di un ‘gioco’ – spiega Jyri Huopaniemi, responsabile del progetto per il Nokia Research Centre – Ma utile per evidenziare come le interfacce elettroniche possano essere installate ovunque: anche nel ghiaccio. Per questo, abbiamo pensato che una ‘scultura interattiva’ potesse fare al caso nostro”.

Piergiorgio Pescarolo

 

Schar

Il pane senza glutine: tipi di pane e cereali utilizzati

Germinal Bio

#Bionest la nuova campagna Germinal Bio che mostra il dietro le quinte del biologico

San Benedetto

Cosa vuol dire compensare la CO₂: la linea Ecogreen di San Benedetto

Triumph

Come riciclare i reggiseni e gli abiti usati

Decathlon

Hai una bici usata? Torna Trocathlon dove puoi acquistare e vendere l’attrezzatura sportiva

tuvali
seguici su Facebook