Quanto è riparabile il tuo smartphone? Da iPhone a Xiaomi i migliori e peggiori

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Viviamo in una società che tende ad acquistare, utilizzare e poi gettare via, mentre sarebbe decisamente meglio, per l’ambiente ma anche per il nostro portafoglio, scegliere di riparare. Nel caso degli smartphone questo non è sempre possibile (o conveniente). In Francia, per aiutare i consumatori ad orientarsi verso i dispositivi più facilmente riparabili, è stato reso obbligatorio segnalare l’indice di riparabilità.

È dal 1° gennaio 2021 che, in Francia, l’indice di riparabilità è una nota obbligatoria che deve essere presentata all’acquirente per diversi tipi di dispositivi (smartphone, laptop, lavatrici, TV e altro). Un’iniziativa messa in atto dal Governo per ridurre gli sprechi e favorire un’economia circolare.

L’obiettivo di questo indice è proprio sensibilizzare i consumatori e orientarli verso l’acquisto di prodotti che possono essere più facilmente aggiustati e incoraggiandoli quindi, in caso di guasto, a ricorrere maggiormente alla riparazione, piuttosto che a un nuovo acquisto.

Come viene calcolato l’indice di riparabilità

In pratica, per ogni modello di smartphone (o per gli altri dispositivi) viene assegnato un punteggio su ciascuno dei 5 seguenti criteri, secondo le griglie definite dal Ministero della Transizione Ecologica:

  • Disponibilità della documentazione per riparatori e consumatori. Il punteggio di questo criterio è determinato dall’impegno del produttore a rendere disponibili gratuitamente i documenti tecnici per un certo numero di anni.
  • Smontaggio e accesso e strumenti: punteggio determinato dalla facilità di smontaggio del prodotto, dal tipo di attrezzi richiesti e dalle caratteristiche degli elementi di fissaggio
  • Disponibilità dei pezzi di ricambio: determinato dall’impegno del produttore a rendere disponibili i pezzi di ricambio per un certo periodo e il tempo di consegna degli stessi.
  • Prezzo dei pezzi di ricambio: determinato dal rapporto tra il prezzo di vendita dei pezzi di ricambio e il prezzo del prodotto.
  • Criterio specifico per la categoria di prodotto interessata 

Il punteggio finale dell’indice di riparabilità (che può arrivare fino 10) si ottiene facendo la media dei punteggi dei vari criteri.

 Il dettaglio del punteggio, presentato nella tabella sottostante, deve essere messo a disposizione del consumatore al momento dell’acquisto.

tabella punteggio indice riparabilità francia

@Ministero della Transizione Ecologica Francia

Gli smartphone con l’indice di riparabilità migliore e peggiore

Ma dunque quali sono gli smartphone migliori e peggiori in quanto a riparabilità?

Ecco il loro punteggio marca per marca e modello per modello.

Samsung

Tra i Samsung notiamo alcuni modelli che ottengono un buon punteggio, come il Samsung Galaxy Note20 mentre tra i più bassi c’è il Samsung Galaxy A20e. C’è dunque una certa variabilità e bisogna fare attenzione ad acquistare uno dei modelli più facilmente riparabili.

samsung indice riparabilità

@indice reparabilite

Xiaomi

Gli Xiaomi sembrano avere tutti dei buoni punteggi di riparabilità che vanno da 6,9 del Mi Note 10 a 7,1 di tanti modelli tra cui il Redmi Note 9T5G. Tutto sommato, quindi, Xiaomi esce bene: quasi tutti i suoi smartphone hanno raggiunto un voto discreto con la media del 7.

indice riparabilità xiaomi

@indice reparabilite

Wiko

Anche gli  smartphone Wiko sono tutti “verdi” con punteggi che variano da 6,2 a 7,1. Stupisce quindi vedere che, proprio come nel caso di Xiaomi, siano le marche più economiche quelle più virtuose dal punto di vista della riparabilità.   

smartphone indice riparabilità wiko

@indice reparabilite

Nokia

Anche per i pochi Nokia di cui è segnalato l’indice di riparabilità c’è il “semaforo” verde. Il punteggio più alto lo ottiene il Nokia 2.4.

indice riparabilità nokia

@indice reparabilite

Apple

I dispositivi Apple, invece, tanto apprezzati in quanto a prestazioni, dal punto di vista dell’indice di riparabilità vanno parecchio male. Molti modelli ottengono punteggi che si aggirano intorno al 4.

indice ripabilità apple

@indice reparabilite

Crosscall

Quasi tutti gli smartphone Crosscall hanno punteggi ottimi per la loro possibilità di essere riparati. 3 dispositivi su 4 ottengono il punteggio di 8,8.

indice riparabilità crosscall

@indice reparabilite

Athesi

Athesi ottiene i punteggi più alti rispetto a tutte le altre marche di smartphone. Arrivando addirittura ad una media che supera quella del 9!

indice riparabilità athesi

@indice reparabilite

Fairphone e Huawei

Fairphone, oltre che essere un smartphone etico e solidale, si mostra essere anche molto ben riparabile. Ottiene infatti un ottimo punteggio: 8,7.

Potete conoscere meglio questo smartphone leggendo anche:

Per quanto riguarda invece gli Huawei, come potete vedere, ancora non sono disponibili gli indici di riparabilità, almeno online.

indice riparabilita fairphone huawei

@indice reparabilite

 

Oneplus

Oneplus strappa la sufficienza. Tutti i modelli ottengono 6,2.

indice riparabilità oneplus

@indice reparabilite

Fonte: Indice reparabilite / Ministero della Transizione Ecologica Francia

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Francesca Biagioli è una redattrice web che si occupa soprattutto di salute, alimentazione naturale, consumi e benessere olistico. Laureata in lettere moderne, ha conseguito un Master in editoria
Seguici su Instagram
Seguici su Facebook