Hand Phone: è vera e propria sindrome da cellulare. Ecco 10 regole “libera mani”

Dipendenza smartphone

Hand phone, ovvero come lo smartphone sta sempre tra le nostre mani (rovinando relazioni sociali e anche altro). Una vera e propria Sindrome che colpisce anche gli italiani e che ipnotizza davanti a uno schermo, tanto da dover utilizzare solo la mano libera pur di non staccarsi dal cellulare.

Circa 7 italiani su 10 (72%) mantengono sempre lo smartphone in mano e ci smanettano su soprattutto sui mezzi pubblici (78%), nel luogo di lavoro (69%) e in vacanza (41%). Sono i dati che emergono da uno studio che ha coinvolto 4.500 persone tra i 18 e i 65 anni attraverso un monitoraggio online (Web Opinion Analysis) sui principali social network – Facebook, Twitter, YouTube – blog e community interattive, per il lancio della campagna “Coppa Libera Tutti” di Coppa del Nonno. Allo studio hanno collaborato 50 esperti di sociologia e antropologia culturale, che hanno stilato un decalogo “libera-mani” da utilizzare per tornare a godersi la quotidianità.

LEGGI anche: IL DIVERTENTE GIOCO SUI TRAM DI AMSTERDAM PER DIMENTICARE LO SMARTPHONE… E GUARDARE FUORI (VIDEO)

I dati: 2 italiani su 10 (19%) utilizzano lo smartphone per circa 6 ore al giorno, percentuale che sale al 42% tra più giovani, mentre il 21% si attesta sulle 4 ore. Il 41% si limita a 2 ore, mentre il 19% riesce a fare a meno del cellulare e lo usa meno di un’ora al giorno. Ad essere più dipendenti sono le donne (58%) rispetto agli uomini (43%), hanno principalmente 18-24 d’età (67%), 35-54 (56%) e 13-17 (31%).

LEGGI anche: I BAMBINI CHE USANO TROPPO SMARTPHONE E TABLET TENDONO A SVILUPPARE GOBBA E SPINA RICURVA

Una vera ossessione per la tecnologia che spesso sostituisce l’interazione reale tra persone. Per questo motivo, per far tornare a socializzare, gli esperti hanno stilato un decalogo “libera-mani”:

1. Fare attività fisica
Per quanto possibile, all’aria aperta è meglio. Farsi un giro in bici o anche solo una passeggiata permettono senza dubbio di coltivare un benessere fisico e mentale e prendere contatto con ciò che ci circonda, staccando dal mondo virtuale.

2. Resistere
Non è poi così difficile opporsi all’impulso di controllare ossessivamente lo smartphone e dare così spazio a nuove abitudini.

3. Su la testa!
Alzate lo sguardo e osservate chi vi sta di fronte senza filtri.

4. Sfruttare tutti i 5 sensi
Vivere un’esperienza che coinvolga tutti i sensi, una passeggiata nel bosco, assaporare qualcosa di buono… può aiutare a rinunciare all’utilizzo dei dispositivi elettronici.

5. Go offline
Ci sono sicuramente dei momenti in cui sapete bene che il cellulare potete spegnerlo: se state coi vostri figli, a tavola, con il partner…

6. Old but gold
Gli esperti consigliano, per esempio, di utilizzare un orologio da polso o una normale sveglia per non dover continuamente affidarsi telefono per conoscere l’ora e alzarsi dal letto.

7. Incontrarsi
Ovvero non affidarsi ai messaggi o ai social per conoscere qualcuno: ciò che davvero struttura una relazione è un rapporto face-to-face e delle belle chiacchierate dal vivo!

8. Inserire ostacoli
Ovvero inserire un codice di sicurezza o eliminare le app che creano più dipendenza, per scoraggiare un uso compulsivo dello smartphone e aiutare a rompere le routine tecnologiche.

9. Il “batch processing”
Se è necessario guardare il telefonino è possibile utilizzare “batch processing”, che consiste nel concentrare in un unico momento più attività, avendo più tempo a disposizione da dedicare ad altro.

10. Tenere le mani impegnate
Non è poi così difficile: mangiare un gelato, leggere un libro, sfogliare una rivista. Le mani saranno libere come i vecchi tempi e la mente potrà svagare per davvero.

Germana Carillo

San Benedetto

Cosa vuol dire compensare la CO₂: la linea Ecogreen di San Benedetto

Germinal Bio

#Bionest la nuova campagna Germinal Bio che mostra il dietro le quinte del biologico

Triumph

Come riciclare i reggiseni e gli abiti usati

Decathlon

La bici usata? Portala da Decathlon: torna Trocathlon dove puoi acquistare e vendere l’attrezzatura sportiva

tuvali
seguici su Facebook