I cellulari migliorano le attività del cervello elettrizzando i neuroni

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Parlare al cellulare fa bene o fa male? Le ricerche sul modo in cui i telefonini influenzano l’attività cerebrale sono frequenti e, a quanto pare, dagli esiti più disparati. Solo un mese fa, addirittura l’OMS aveva messo in guardia sui nostri amati cellulari e ai danni per la salute e le loro potenzialità cancerogene, ma a quanto pare, i telefonini sarebbero anche ricchi di benefici per la nostra mente.

È giunta ad una simile conclusione l’ultima ricerca, condotta da un gruppo di ricercatori italiani dell’Istituto di Neurologia dell’Università Cattolica-Policlinico Gemelli di Roma, secondo i quali i cellulari potrebbero addirittura avere la capacità di accrescere l’eccitabilità dei neuroni e soprattutto di quelli che si trovano in prossimità dell’antenna.

Lo studio, diretto da Paolo Maria Rossini in collaborazione con il Campus Bio-Medico di Roma, ha dunque scoperto che i cellulari riescono ad “elettrizzare” il cervello, modificandone a tutti gli effetti l’attività cognitiva. Ciò significa che alcuni processi verrebbero addirittura migliorati, riducendo contemporaneamente le risorse necessarie al nostro cervello per operare in maniera efficiente.

Analizzando le performance di alcuni soggetti sani, sottoponendoli ad alcuni test congitivi, gli studiosi hanno poi esposto il loro cervello alla stimolazione GSM legata ai telefoni cellulari. Infine, attraverso l’encefalogramma hanno monitorato la loro attività cerebrale durante i test.

E il risultato secondo Rossini, è stato chiaro. L’esposizione al GSM infatti può “in qualche maniera migliorare l’efficienza neurale” visto che gli utenti hanno mostrato di “di rispondere in maniera più veloce, pur attivando una quantità inferiore delle loro risorse neurali“.

Alla base di tale “miglioramento” vi sarebbe la modulazione delle frequenze alfa del cervello, deputate all’attenzione e alla concentrazione e influenzate in maniera positiva dalle elettromagnetiche dei cellulari. Spiega Rossini: “Questo dato di per sé non è né positivo né negativo ma ci incita ad approfondire con ricerche ulteriori l’influenza dei cellulari sull’attività neurale e le conseguenze potenziali di essa.

Tale scoperta potrebbe avere risvolti utili nel trattamento di alcune patologie cerebreali tra cui l’Alzheimer, come ha confermato Rossini: “Quello dei cellulari potrebbe essere un effetto positivo, per esempio, in situazioni in cui l’obiettivo sia aumentare l’eccitabilità del cervello di un soggetto malato“.

In attesa che l’OCSE si pronunci ufficialmente e che ci si metta d’accordo sugli effetti a lungo termine dell’uso dei telefonini, noi vogliamo ribadire i nostri consigli per ridurre i danni provocati da una lunga esposizione alle onde elettromagnetiche dei telefonini.

Francesca Mancuso

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook