Smartphone: 3 segreti +1 per far durare di più la batteria

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Smartphone e batteria. Una delle cose assolutamente indispensabili della vita di oggi è… avere lo smartphone e tenerlo, cascasse il mondo, completamente carico 24 ore su 24. Perché col tempo siamo stati in fissa con Candy Crash e Ruzzle, poi abbiamo deciso di spiattellare tutto ogni secondo sui Facebook e ci siamo ritrovati in venti gruppi di WhatsApp, abbiamo scaricato l’ultima App che fa foto stupende e siamo andati di matto con la storia dei Pokemon.

Insomma, se durante il giorno siamo così duramente impegnati, è per forza durante la notte che dobbiamo caricare lo smartphone (ma in molti lo caricano anche più volte in un giorno).

Ma gli esperti dicono: se volete far durare di più la batteria, quanto meno non dimenticatela collegata all’alimentatore oltre tempo massimo.

LEGGI anche: IL VOSTRO SMARTPHONE NON SI RICARICA PIÙ? PULITELO CON UNO STUZZICADENTI!

Infatti, secondo quanto riporta Battery University, un sito divulgativo collegato alla compagnia Cadex Electronics, se la batteria dello smartphone non dura mai abbastanza è perché forse ricarichiamo il nostro dispositivo in maniera errata. Per cui, se vogliamo mantenere una batteria al litio (Li-Ion) nella migliore delle condizioni sono necessari alcuni accorgimenti.

Ecco quali:

1. No alle cariche infinite. Proprio quello che dicevano: mai lasciare il telefono collegato alla presa della corrente quando è completamente carico, perché l’alta tensione persistente deteriora i processi chimici alla base degli accumulatori Li-Ion.

2. Lo smartphone e le batterie al litio non dovrebbero mai toccare lo 0% di carica né, di contro, arrivare al 100%. In più, meglio se si fanno tante “mini-ricariche” quando si può. Secondo quanto si legge, sarebbe corretto attaccarsi a una fonte di elettricità appena la batteria si scarica del 10%.

3. No alle temperature alte, perché le batterie al litio sono molto sensibili alle elevate temperature. La temperatura ideale per una corretta conservazione è di 15 gradi, anche se gli accumulatori possono sopportare un range che spazia circa dai -40 ai 50 gradi centigradi. Infine, non lasciate mai il telefono in macchina d’estate e tenetelo lontano dal pc se usate la presa usb.

Poi c’è che, ogni tanto, potremmo anche spegnerlo questo smartphone, e prendere contatto con la meravigliosa realtà che ci circonda…

Germana Carillo

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per Greenme.it dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.
Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook