©EugeneEdge/Shutterstock

L’iPhone resistente all’acqua? Si danneggia se si bagna. L’Antitrust multa Apple

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Pubblicità ingannevole e pratiche commerciali “aggressive e fuorvianti”, per questo l’Antitrust sanziona la Apple per 10 milioni di euro. La pubblicità dell’iPhone vantava la resistenza all’acqua, ma è stata giudicata non corrispondente alla realtà. In più il gruppo della mela si sarebbe anche rifiutato di prestare assistenza per gli smartphone danneggiati.

Secondo quanto affermato dall’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato nei messaggi pubblicitari non si chiariva che la proprietà della resistenza all’acqua fosse in realtà riscontrabile solo in presenza di specifiche condizioni e non nelle normali condizioni d’uso. L’Antitrust ha inoltre ritenuto idoneo a integrare una pratica commerciale aggressiva il rifiuto nella fase post-vendita di prestare assistenza in garanzia.

Nello specifico, l’Antitrust ha multato al Apple  per due distinte pratiche commerciali scorrette: la prima riguarda la diffusione di messaggi promozionali di diversi modelli di

  • iPhone
  • iPhone 8
  • iPhone 8 Plus
  • iPhone XR
  • iPhone XS
  • iPhone XS Max
  • iPhone 11
  • iPhone 11pro
  • iPhone 11 pro Max

in cui veniva esaltata, per ciascuno dei prodotti pubblicizzati, la caratteristica di risultare resistenti all’acqua per una profondità massima variabile tra 4 metri e 1 metro a seconda dei modelli e fino a 30 minuti. Peccato, però, che la Apple si sia dimenticata di chiarire che questa proprietà sia riscontrabile solo in presenza di specifiche condizioni, per esempio durante specifici e controllati test di laboratorio con utilizzo di acqua statica e pura, e non nelle normali condizioni d’uso dei dispositivi da parte dei consumatori.

Inoltre, la contestuale indicazione del disclaimer “La garanzia non copre i danni provocati da liquidi”, “è stata ritenuta idonea – scrivono – a ingannare i consumatori non chiarendo a quale tipo di garanzia si riferisse (garanzia convenzionale o garanzia legale), né è stata ritenuta in grado di contestualizzare in maniera adeguata le condizioni e le limitazioni dei claim assertivi di resistenza all’acqua”.

Infine, l’Antitrust ha ritenuto idoneo a integrare una pratica commerciale aggressiva il rifiuto da parte di Apple, nella fase post-vendita, di prestare assistenza in garanzia quando quei modelli di iPhone risultavano danneggiati proprio a causa dell’introduzione di acqua o di altri liquidi, ostacolando in tal modo l’esercizio dei diritti ad essi riconosciuti dalla legge in materia di garanzia ossia dal Codice del Consumo.

Fonte: AGCM

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per greenMe dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.
Speciale Creme Solari

Creme solari: come sceglierle e a cosa fare attenzione

eBay

Work out: i migliori attrezzi per allenare a casa tutti i muscoli

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook