mit-transparent-solar-cell

E se il nostro smartphone non avesse bisogno di essere ricaricato perché capace di farlo semplicemente usando l'energia del sole? Questa possibilità non è poi così remota. Ad esplorarla è stata Ubiquitous Energy, una startup del Mit, che sta lavorando ad una pellicola trasparente fotovoltaica, in grado di catturare l'energia del sole e di convertirla in elettricità.

Immaginate un mondo in cui ogni superficie possa essere rivestita da celle solari, capaci di convertire la luce solare e anche quella delle lampadine in piccole quantità di energia utilizzabile. Presto detto. L'azienda spera di sviluppare a prezzi accessibili rivestimenti trasparenti e film che possano raccogliere l'energia luminosa dalle finestre o anche dagli schermi dei tablet e degli e-book reader.

Il funzionamento è semplice. Le pellicole raccolgono le lunghezze d'onda nella parte ultravioletta e infrarossa dello spettro della luce visibile, ma lasciandola comunque passare. Le tradizionali celle solari, al contrario, raccolgono la luce nelle regioni ultravioletta e visibile e per questo non possono essere completamente trasparenti.

Miles Barr, presidente e chief technology officer di Ubiquitous Energy, ha spiegato che le celle solari trasparenti sono fatte di vari strati organici, depositati uno alla volta su un vetro o un film. Questo processo può essere facilmente integrato con altri sistemi che si trovano già nella trasformazione industriale. Molte finestre moderne, ad esempio, hanno una sorta di rivestimento per il controllo solare e isolamento. Per questo motivo, Barr prevede che le celle solari della sua azienda possano essere facilmente prodotte allo stesso modo.

transparent-solar-cell

La società però non ha ancora annunciato i piani per i prodotti né i prezzi. “Stiamo preparando un catalogo di strutture di dispositivi e 'ingredienti' per ottenere una maggiore efficienza” non solo i per dispositivi elettrici più dispendiosi in termini di energia ma anche per gli edific,i hanno spiegato i ricercatori secondo i quali sarà necessario raggiungere il 10% di efficienza per dar vita a numerose applicazione della loro tecnologia. Fino a qualche tempo fa, l'efficienza era inferiore al 2 per cento.

È sicuramente un approccio interessante se il costo di tali celle può essere sufficientemente basso e la stabilità dei materiali adeguata", ha detto Zhenan Bao, professore di ingegneria chimica presso la Stanford University.

Francesca Mancuso

Leggi anche:

- Fotovoltaico: dal MIT le celle solari ricavati dall'erba tagliata

- Fotovoltaico trasparente per produrre energia dalle finestre

- Fotovoltaico trasparente: Sharp lancia See-trough, pannelli solari al posto delle finestre

maschera lavera 320

Lavera

Come preparare la pelle del viso all’estate in 5 mosse

greenMe su Instagram

Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
sai cosa compri
seguici su facebook
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram