Cellulari in classe

Niente cellulari a scuola. In Francia diventa legge la promessa elettorale del presidente Emmanuel Macron. Una legge che incontra il già effettivo divieto in molte scuole francesi, quasi la metà, dell’uso del cellulare nel proprio regolamento interno. Ma la misura non riguarda gli studenti delle scuole superiori.

L’Assemblea nazionale ha di fatto votato il divieto dei telefoni cellulari nelle scuole elementari (école) e alle medie (collége) a partire già dal prossimo anno scolastico.

Il testo, salutato dal governo come “un segnale per la società” e adottato per ora solo in prima lettura, ha visto a suo favore i voti della maggioranza, ma tutti gli altri gruppi lo hanno denunciato come una proposta “inutile” che risponderebbe a una “semplice operazione di comunicazione”.

La decisione riguarderà praticamente tutti gli studenti, fatta eccezione di quelli frequentanti le superiori,i ragazzi con handicap e “per utilizzi pedagogici”.

L’uso dei telefoni cellulari, a volte una fonte di conflitto già nelle famiglie, sta diventando più comune nelle aule e nei parchi giochi. Secondo uno studio del Centro di ricerca per lo studio e l'osservazione delle condizioni di vita (Credoc), in Francia nel 2015 più di otto adolescenti su dieci hanno ricevuto uno smartphone, rispetto ai due su dieci del 2011. La tendenza sta prendendo piede anche nelle scuole elementari, dove gli studenti iniziano a avere un cellulare già dal quarto anno, quando iniziano ad andare a scuola da soli.

In teoria, un “codice di istruzione” francese (Code de l’éducation) specifica che il telefono è vietato “durante qualsiasi attività didattica e nei luoghi previsti dal regolamento interno” di ciascun istituto, in genere i centri di documentazione e informazione, i corridoi, la mensa e il campo giochi.

Ma è estremamente difficile far rispettare questa regola”, dice Valérie Sipahimalani, insegnante e vice segretario generale dell'Unione nazionale degli insegnanti delle scuole secondarie (SNES-FSU), in particolare a causa del numero di supervisori che tendono a diminuire.

Ecco allora che la misura proposta da Macron nella campagna elettorale ha ottenuto i voti di Le Re'publique en Marche (LREM) e dei centristi di MoDemo, oltre a quelli dei liberali di UDI-Agir. Tutti gli altri gruppi hanno parlato di provvedimento “ipocrita”.

Se arriverà il via libera definitivo, saranno vietati il telefono cellulare e qualsiasi altro mezzo di comunicazione elettronica, compresi tablet e computer.

Cosa accade in Italia

Gli episodi di bullismo che ogni giorno siamo costretti a vedere quasi in diretta dalle scuole ci dicono che da noi (anche) l’uso del cellulare in classe da parte degli studenti non ha delle regole ferree.

Se fino a poco tempo fa, una circolare del 2007 del ministro dell’Istruzione Giuseppe Fioroni di allora dettava il divieto dell’uso di simili dispositivi nelle aule, perché “dovere specifico, per ciascuno studente, non utilizzare il telefono cellulare, o altri dispositivi elettronici, durante lo svolgimento delle attività didattiche” e prevedeva, in caso di violazione, “l'irrogazione delle sanzioni disciplinari appositamente individuate da ciascuna istituzione scolastica”, il governo Gentiloni, nella persona dell’ex ministra Fedeli, dopo qualche anno ha sostanzialmente rimosso questo veto. Per cui, ad oggi, si autorizza l’uso di smartphone e tablet solo a scopo didattico, non per chiamate o messaggi, e per regolarlo sono state diramate nel gennaio scorso delle precise linee guida.

Lo smartphone è "uno strumento che facilita l’apprendimento", si è detto, sostenendo che, se lo studente è guidato da un insegnante e da genitori consapevoli, "può imparare cose importanti attraverso un media che gli è familiare: internet. Quello che autorizzeremo non sarà un telefono con cui gli studenti si faranno i fatti loro, sarà un nuovo strumento didattico".

Il rischio che però gli studenti eludano la sorveglianza dei professori durante le lezioni e utilizzare i cellulari a scopi che vanno ben al di là della didattica, ahinoi, c'è e si vede. Alcune scuole, italiane e non, tentano di porre dei paletti  e farsi delle proprie regole interne, ma quello che ai noi sembra è che forse questo non basta.

Voi cosa pensate? Sareste favorevoli a una misura più netta come quella di Macron nelle nostre scuole?

Leggi anche:

Germana Carillo

maschera lavera 320

Lavera

Come preparare la pelle del viso all’estate in 5 mosse

greenMe su Instagram

Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
sai cosa compri
seguici su facebook
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram