Firma Digitale: la più economica e conveniente

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Se sei alla ricerca della Firma Digitale più economica e conveniente, con un occhio di riguardo alla sostenibilità e all’ambiente, questo articolo fa proprio al tuo caso.

Un sostanzioso risparmio di tempo, un recupero dello spazio occupato fisicamente dai documenti messi da parte, in casa come in ufficio, ma, soprattutto, un minor impatto ambientale: un atteggiamento sostenibile passa inevitabilmente anche attraverso una riduzione di carte e scartoffie, quelle che utilizziamo tutti i giorni per qualsiasi tipo di attività.

Fogli, istanze, pratiche di lavoro e di ufficio, incartamenti vari: il mondo ne è pieno e tutti noi siamo circondati di documenti e moduli che prima compiliamo e poi firmiamo.

Tonnellate e tonnellate di fogli di carta che spesso ci costringono a estenuanti file agli sportelli e la cui utilità, diciamocelo, a volte lascia il tempo che trova.

Come fare per limitare quest’immensa mole di sprechi, ridurre l’impatto ambientale e fare un passo in avanti deciso verso una maggiore sostenibilità del nostro lavoro?

Dematerializzazione dei documenti è la parola chiave e per attuarla, bisogna necessariamente utilizzare la Firma Digitale.

Se qualcosa di buono la pandemia da Covid-19 può aver mai portato, sicuramente è stata la conoscenza su grande scala di strumenti poco conosciuti come il cloud, la marca temporale, la PEC e i nuovi sistemi di lavoro da casa in smart working.

Tutti mezzi che, assieme alla Firma Digitale, consentono di portare a termine molteplici attività lavorative senza utilizzare la carta e quindi senza dover continuare a radere al suolo la foresta amazzonica.

Firma Digitale e dematerializzazione documenti

La dematerializzazione altro non è che la digitalizzazione dei documenti cartacei, un processo che inevitabilmente offre vantaggi economici ed ecologici ai privati e alle aziende, come la riduzione degli sprechi e dei costi di stampa e l’eliminazione del processo di archiviazione dei documenti stessi.

La digitalizzazione rende di fatto gli iter amministrativi più fluidi, permettendo a imprese e cittadini di risparmiare una notevole quantità di tempo, aumentando la produttività, le prestazioni e anche la soddisfazione di disporre e di poter inoltrare documenti informatici in pochissimi minuti.

Ovviamente, per tutte le pratiche e documenti che richiedono una firma, la soluzione sta nella Firma Elettronica Qualificata (chiamata in Italia anche Firma Digitale), che consente di sottoscrivere documenti informatici in modo sicuro, conferendo valore legale a ciò che si firma.

La Firma Elettronica Qualificata è definita dal Regolamento eIDAS n. 910/2014: si tratta di una firma elettronica avanzata creata da un dispositivo per la creazione di una firma elettronica qualificata e basata su un certificato qualificato per firme elettroniche ed è riconosciuta in tutti gli altri Stati membri dell’Unione Europea.

In buona sostanza, la Firma Digitale è l’equivalente della firma autografa, è ovviamente strettamente personale e quando la si utilizza si conferisce a un documento informatico la piena validità legale ai sensi dell’art. 2702 del Codice Civile e ai sensi dell’art. 20 del Codice dell’Amministrazione Digitale.

Firma Digitale: cosa sostituisce

La Firma Digitale serve, come dicevamo, per firmare digitalmente un documento informatico con gli stessi effetti giuridici di una firma autografa fatta a mano su carta.

Per dirla in parole semplici: la Firma Digitale sostituisce la firma autografa e ci consente di firmare file informatici senza la necessità la utilizzare i fogli di carta.

Inoltre la Firma Digitale sostituisce anche il documento d’identità, in quanto come stabilito dal Consiglio di Stato, con sentenza n. 4676/2013, visto il particolare grado di sicurezza e certezza dell’identità del firmatario, l’uso della sola Firma Digitale è assolutamente idoneo a soddisfare i requisiti dichiarativi ex art. 38, comma 3, del DPR 445/2000, senza necessità di allegazione del documento d’identità.

Firma Digitale: quando si può utilizzarla

La Firma Digitale può essere utilizzata per firmare qualsiasi tipo di documento informatico di qualsiasi formato come ad esempio un file pdf, word, Excel e persino foto e immagini.

In Italia è obbligatoria per firmare le domande di partecipazione a concorsi pubblici di registrazione di un marchio o brevetto, di iscrizione e partecipazione ad una asta telematica e molto altro, come i documenti da presentare in via telematica all’Agenzia delle Entrate, allo Sportello Telematico e senza dimenticare le candidature telematiche ai vari bandi online comunali e regionali.

Firma Digitale: come averla gratis in 5 minuti

Prima di tutto, è bene puntualizzare che si può avere la Firma Digitale solo rivolgendosi ad una azienda certificata da AgID o da rivenditori autorizzati.

Quello che c’è anche da sapere, è che in genere viene richiesto di stipulare un contratto di abbonamento di tre anni con un pagamento anticipato che varia dai 50 ai 70 euro oltre iva, ai quali bisognerà poi aggiungere il costo per il riconoscimento online con videochiamata o tramite SPID (circa 20/30 euro).

Inoltre, prima della scadenza del contratto, viene richiesto il rinnovo della firma digitale ad un costo che varia dai 25 ai 35 euro e in caso di mancato rinnovo, si dovrà stipulare un nuovo contratto e ripagare le spese iniziali.

Ma se devo utilizzare la firma digitale solo una volta o due, devo sostenere tutti questi costi?

Assolutamente no.

Ma solo se decidi di attivare la Firma Digitale con la tariffa Pay per Sign.

Da Gennaio 2021, infatti, per i privati cittadini o per chi pensa di utilizzare la Firma Digitale poco o di dover fare poche firme digitali l’anno, esiste la possibilità di attivare gratuitamente l’unica Firma Digitale in commercio con tariffa Pay per Sign, senza dover stipulare un contratto di abbonamento triennale e senza dover pagare nulla in anticipo.

Parliamo della Firma Digitale cheFirma!, la Firma Elettronica Qualificata emessa da Intesi Group S.p.a., uno dei prestatori di servizi qualificati autorizzati da AgID, disponibile ed attivabile online esclusivamente dal portale LetteraSenzaBusta.com

Firma Digitale Pay per Sign: perché sceglierla

Perché è l’unica Firma Digitale con tariffa Pay per Sign con attivazione immediata e veloce in 5 minuti ed a detta degli addetti ai lavori, è la Firma Digitale più economica e conveniente.

Rispetto a tutte le altre firme digitali in commercio, attivabili solo con un contratto di tre anni, la Firma Digitale cheFirma! si attiva gratuitamente con la formula Pay per Sign e si paga solo quando si firma digitalmente un documento.

Ecco i vantaggi della Firma Digitale Pay per Sign:

  1. attivazione gratis immediata in 5 minuti con SPID o videochiamata
  2. non si deve sottoscrivere alcun contratto di abbonamento
  3. rinnovo a scadenza senza costi con un semplice click
  4. non servono chiavette usb, smart card o software di firma
  5. si firma in formato PAdES .pdf, CAdES .p7m o XAdES .xml
  6. si paga solo quando la si utilizza, ovvero solo quando si firma

Sì, ma quanto mi costa ad ogni firma?

Il costo richiesto per l’apposizione di ogni firma è di 5,99 euro IVA inclusa e si può anche decidere se apporre una Marca Temporale Qualificata al file firmato digitalmente per prorogare la validità della firma digitale per ulteriori 20 anni e/o un Contrassegno Elettronico per mantenere inalterato il valore legale della Firma Digitale apposta sul documento, anche nel caso si dovesse stampare su carta un file PDF firmato in formato PAdES.

Come avere subito la Firma Digitale

Per attivare la Firma Digitale in modo veloce, segui le seguenti istruzioni:

  • accedi alla pagina di attivazione firma digitale di LetteraSenzaBusta.com
  • registrati o effettua il Login se sei già registrato
  • verifica il tuo codice fiscale e il tuo numero di telefono cellulare
  • effettua il riconoscimento online gratuito con SPID o videochiamata
  • attiva la Firma Digitale grazie al codice OTP che ricevi via sms
  • accedi alla pagina di apposizione firma per firmare digitalmente

E il gioco è fatto!

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Seguici su Instagram
Seguici su Facebook