Fujitsu-Zero-Watt-PC-The-Esprimo-Green-2Vita dura per i "vampiri". Le piccole lucine rosse di standby che pullulano in case e uffici facendoci sperperare inutilmente soldi ed energia elettrica, hanno i giorni contati. Almeno quelle dei nostri computer.

Al Cebit 2009 di Hannover, dove quest'anno la parola d'ordine è green, Fujitsu Siemens ha presentato il primo PC al mondo che non consuma energia in modalità standby. Dopo i monitor a zero watt lanciati nella scorsa edizione del più importante evento mondiale in ambito ICT, l'azienda giapponese batte tutti sul tempo e brevetta una tecnologia che consente di tenere il computer acceso senza consumare energia elettrica. I PC 0-Watt, pensati in particolar modo per venire incontro alle aziende e per un uso prevalentemente business, anticipano e superano di gran lunga la recente normativa dell'Unione Europea che obbliga i produttori a progettare entro il 2010 dispositivi che da spenti non superino il tetto di un watt, soglia che si dimezza a partire dal 2013. Un requisito che non contempla il consumo pari a zero, garantito, a quanto pare, dalla nuova proposta Fujitsu.

I nuovi computer Fujitsu Siemens a zero Watt

Effettivamente noi non ce ne accorgiamo, ma lasciare accesi i nostri PC, soprattutto con lo screensaver, attualmente consuma una quantità di energia inimmaginabile. Un recente studio di Gartner ha rivelato che le imprese con 2.500 PC possono arrivare a risparmiare fino a oltre 6.500 dollari semplicemente spegnendo o disattivando le macchine quando non vengono utilizzate.

In Australia, una compagnia telefonica ha rimosso i salvaschermi dei suoi dipendenti e stimato che così facendo risparmierà la stessa quota di energia che consumerebbero 140 automobili facendo il giro del mondo. Questo perché, sembra strano, ma uno screensaver non risparmia affatto energia, fa girare il computer alla solita potenza invece che metterlo in modalità sleep.

Fujitsu non solo promette di abbattere tali costi annullando i consumi in standby, ma prevede in più anche la possibilità di scaricare nel periodo di inattività del computer gli aggiornamenti necessari per poi tornare automaticamente in modalità 0-watt.

Encomiabili di sicuro gli sforzi che sta facendo l'azienda nipponica per combattere a muso duro il problema degli sprechi d'energia nei suoi computer. Anche se forse per il momento rimane vero quanto riportano gli esperti del The Green Guide Institute, l'ente di ricerca indipendente di New York: "L'unico modo per essere sicuri che un dispositivo non stia risucchiando energia è staccare la spina".

monge

Monge

20 cose che il tuo cane e gatto non dovrebbero mai mangiare

plt energy

PLT puregreen

I vantaggi di scegliere un operatore di energia da fonti rinnovabili

sai cosa compri
dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
seguici su facebook
manifesto
banner calendario
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram