5G, sindaca del Maceretese ne vieta l’installazione. Salgono a 167 i Comuni d’Italia #Stop5G

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Niente sperimentazione né installazione del 5g sul territorio: la sindaca di Potenza Picena, in provincia di Macerata, firma un’ordinanza con la quale si appella al principio di precauzione sancito dall’Unione Europea nell’attesa di avere dati più certi sugli effetti delle radiofrequenze.

Dopo che la stessa Regione Marche aveva approvato la mozione per fare chiarezza sulle frequenze utilizzate e per conoscere gli eventuali rischi sulla salute della popolazione esposta, ora anche il piccolo comune dice autonomamente no alla sperimentazione del nuovo standard per la comunicazione mobile di quinta generazione.

A deciderlo è la Sindaca Noemi Tartabini con una specifica Ordinanza nella quale si “vieta a chiunque la sperimentazione o installazione del 5G sul territorio del Comune di Potenza Picena in attesa della nuova classificazione della cancerogenesi annunciata dall’International Agency of Research on Cancer, applicando il principio di precauzione sancito dall’Unione Europea, prendendo in riferimento i dati scientifici più aggiornati, indipendenti da legami con l’industria e già disponibili sugli effetti delle radiofrequenze, estremamente pericolose per la salute dell’uomo”.

Si tratta di un altro provvedimento che applica il principio di precauzione in attesa di ulteriori approfondimenti scientifici sull’impatto della nuova tecnologia sulla salute pubblica. Infatti, il 5G si basa su microonde e radiofrequenze più elevate dei precedenti standard tecnologici, anche dette “onde millimetriche”, che comportano due applicazioni principali: maggiore energia trasferita ai mezzi in cui le radiofrequenze vengono assorbite (in particolare tessuti umani) e minore penetrazione nelle strutture solide, per cui vi è la necessità di un maggiore numero di ripetitori, a parità di potenza, per garantire il servizio.

Inoltre, le radiofrequenze del 5G sono del tutto inesplorate mancando qualsiasi studio preliminare sulla valutazione del rischio sanitario e per l’ecosistema, tant’è che la stessa Commissione Europea ha affermato come il 5G lascia aperta la possibilità di conseguenze biologiche”, conclude la prima cittadina.

Intanto, Potenza Picena non è il solo Comune ad avviare accertamenti contro la tecnologia 5G. Come si legge sul sito di Alleanza italiana stop 5G, sono 167 i Comuni d’Italia ufficialmente Stop5G, 51 sindaci hanno emanato ordinanze stop5G  e 2 le Regioni che hanno approvato mozioni per la precauzione.

Fonti: Ufficio Stampa Potenza Picena / Alleanza italiana Stop 5G

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per Greenme.it dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.
Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook