Orecchio stampa 3D

Cellule prelevate dal paziente e stampanti 3D: così si ricostruisce l’orecchio. In Cina, a 5 bimbi nati con una particolare patologia all’orecchio è stato ricostruito il nuovo organo, proprio grazie alla combinazione di stampa 3D e cellule coltivate in laboratorio.

Gli autori del particolare tipo di intervento sono stati i ricercatori del Tissue Engineering Research Key Laboratory e dell’Università Jiao Tong di Shanghai, che con nuovissime tecniche hanno creato per la prima volta delle orecchie nuove a bambini nati con la cosiddetta “microtia”, a causa della quale l’orecchio è retratto e rimpicciolito.

I risultati degli interventi, che hanno visto l’uso delle stesse cellule dei nati con quella malformazione del padiglione, e del monitoraggio sono stati pubblicati sulla rivista EBioMedicine.

Cos’è la microtia

La microtìa (o microzia, ossia: piccolo orecchio) è una condizione congenita in cui uno o entrambe gli orecchi non si sviluppano correttamente. Di microtia ce ne sono diverse varianti, che vanno da solo un piccolo orecchio a completa assenza dell’orecchio, la cosiddetta “anotia” (“nessun orecchio”). In alcuni casi, il canale uditivo è estremamente piccolo (stenosi sonora) o addirittura assente (uditiva atresia).

La malformazione riguarda ad oggi circa uno ogni 5mila nuovi nati e naturalmente può avere un impatto negativo sull’udito e sul benessere dei bambini che ne sono affetti. Attualmente sono in uso delle tecniche di ricostruzione mediante chirurgia plastica (ricostruzione della cartilagine costale, gli impianti di plastica o le protesi).

Il nuovo intervento

La novità di questo lavoro consiste nel fatto che si sono prelevate le cellule dall’orecchio malformato del paziente stesso, è stato creato uno “stampo” tridimensionale copiando la forma dell’altro orecchio che era sano e poi hanno ricostruito l’orecchio con la stampante 3D facendo moltiplicare le cellule prelevate nello “stampo”.

Poi i medici hanno impiantato l’orecchio così costruito sui piccoli pazienti. Questo approccio ha in pratica combinato la stampa 3D con l’ingegneria dei tessuti in vitro su bambini che soffrono di microtia solo in un orecchio.

orecchio cina

Siamo stati in grado di progettare, realizzare e rigenerare correttamente l’esterno delle orecchie in modo specifico per il paziente - hanno detto i ricercatori che hanno seguito ogni bambino per 2 anni e mezzo. Tuttavia, sono necessari ulteriori sforzi per tradurre questo prototipo in pratiche cliniche di routine», hanno sottolineato. Sarà essenziale un follow-up a lungo termine (fino a 5 anni)”.

Leggi anche:

Giocattoli fai da te: la stampante 3D che trasforma in realtà la fantasia dei bambini

La stampa 3 D è green? I pro e i contro

La stampante 3D per creare micro giardini di ogni forma

Germana Carillo

monge

Monge

10 cose da sapere prima di accogliere un cucciolo in casa

plt energy

PLT puregreen

I vantaggi di scegliere un operatore di energia da fonti rinnovabili

sai cosa compri
dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
seguici su facebook
manifesto
banner calendario
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram