Vietato fumare sulle spiagge di Lampedusa e Linosa. Da giugno scatta il divieto

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Le spiagge di Lampedusa e Linosa si uniscono agli altri litorali “smoke free” d’Italia. Il sindaco ha infatti disposto il divieto di fumo che sarà operativo dal primo giugno sulle due isole siciliane.

Stop alle sigarette sulle spiagge di due tra le isole più belle d’Italia, le Pelagie. Parliamo di Lampedusa e Linosa dove il sindaco, Salvatore Martello, ha disposto un divieto di fumo che segue quello relativo alla plastica diramato nei mesi scorsi.

Lo stesso primo cittadino, infatti, ha già vietato su tutto il territorio di sua competenza la vendita di piatti, posate e bicchieri monouso oltre che di shopper in plastica monouso non biodegradabile, nell’ottica di diffondere buone pratiche a tutela dell’ambiente e della salute di cittadini e turisti.

Nella nuova ordinanza “verde” si legge:

“E’ consentito fumare soltanto nelle aree attrezzate e in ogni caso entro una distanza massima di due metri dalle apposite strutture posacenere recanti lo stemma o altro segno identificativo comunale. È altresì fatto divieto di gettare rifiuti prodotti da fumo sul suolo e nelle acque”.

Il sindaco ha poi continuato:

“La decisione di vietare il fumo in spiaggia è legata a due aspetti: il diritto di ogni cittadino a godere del benessere offerto dal vivere e soggiornare in un habitat dotato di decoro igienico ed estetico, e la necessità di tutelare l’ambiente evitando la dispersione in spiaggia ed in mare di ceneri e mozziconi”.

Fortunatamente questo tipo di attenzione verso l’ambiente, ma anche verso chi si gode il relax in spiaggia, si sta diffondendo piano piano un po’ in tutta Italia. Il divieto di fumo sul litorale è già attivo in varie località della Sardegna, a Porto Cesareo in Salento e a Bibione sul lungomare veneziano ma tante altre località stanno prendendo in considerazione la possibilità di adeguarsi.

Ci auguriamo che presto tutta la costa italiana metta al bando il fumo di sigaretta, eccezion fatta per le aree attrezzate appositamente che si troveranno comunque in prossimità dei lidi.  Rendere la vita difficile ai fumatori in spiaggia potrebbe essere un sistema, oltre che per tutelare l’ambiente, anche per limitare al minimo il consumo di sigarette con vantaggi per tutti.

Leggi anche:

Francesca Biagioli

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Francesca Biagioli è una redattrice web che si occupa soprattutto di salute, alimentazione naturale, oli essenziali e fitoterapia, le sue passioni da sempre. Laureata in lettere moderne, con Master in editoria, ha poi virato le sue competenze verso il benessere olistico
Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook