Le 10 città più “smart” del pianeta

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Qual è la città più intelligente, o smart city, del pianeta? Ma prima di tutto, che cosa è una smart city? È una di quelle espressioni che girano molto sulla bocca di chi vuole essere un po’ green un po’ geek, che vuol dire molto ma che – di fatto – non ha una definizione univoca e brevettata, per così dire. Riassumo a modo mio (assolutamente opinabile) le definizioni che ho letto in giro: una città intelligente è una città che utilizza la tecnologia per andare incontro alle esigenze di cittadini, imprese, istituzioni e ambiente. E dunque, quali sono le città più smart da questo punto di vista?

Una classifica l’ha fatta qualche tempo fa il signor Boyd Cohen sul sito di Co.Exist, quindi se qualcosa non vi sta bene rivolgetevi direttamente a lui. Io leggo con curiosità e prendo appunti.

  • Vienna. Pare che ce le abbia tutte, dalla digital governance a programmi di riduzione dei consumi energetici. Il tutto innaffiato con un ottimo livello di qualità della vita. Altro che Mozart!
  • Toronto. Tecnologia e coinvolgimento dei privati per sviluppare un sistema intelligente di trasporto pubblico e di servizi per i pendolari.
  • Parigi. Dimenticate le passeggiate romantiche. Innovazione, digital governance, città green, e il bike sharing migliore d’Europa.
  • New York. Pessime performance per qualità della vita, ma proprio perché la vita lì è dura (!) stanno studiando sistemi tecnologici per tutto, dallo spegnimento degli incendi al pagamento delle tasse.
  • Londra. Guadagna molti punti con cose tipo la congestion charge, promette la rete di WiFi più grande d’Europa, sta per aprire lo Smart Cities Research Centre. E poi la birra è buona.
  • Tokyo. Ha in ballo un progetto per costruire una periferia molto smart, basata su rinnovabili ed efficienza energetica. Peccato per le luci nel centro alimentate a energia nucleare…
  • Berlino. Ottima qualità della vita. E’ “smart” soprattutto perché sta testando un sistema per capire la possibilità di recuperare energia da immettere in rete direttamente dalle automobili elettriche.
  • Copenaghen. Città leader per innovazione sostenibile. Si va in bicicletta, si taglieranno le emissioni entro il 2025, si promuovono le green technologies dappertutto.
  • Hong Kong. Pessima qualità della vita, ma sperano che la tecnologia li possa aiutare. Dalla logistica aeroportuale, alla filiera agricola. E i cittadini hanno una smart card per fare tutto (servizi, trasporti, parcheggi, shopping…).
  • Barcellona. All’avanguardia soprattutto per lo sfruttamento (tecnologico) dell’energia solare. Se non lo fanno loro…

Ahimè sono stata solo in 6 di queste 10 città, e non ho gli strumenti e le conoscenze adatti per poter fare obiezioni ponderate a questa classifica, anche se a naso ne avrei. Ma pazienza (…ehi, è il mio blog!) per me al primo posto doveva piazzarsi Copenaghen! ?

Suggerimenti per una analoga classifica italiana? O è meglio passare a un’altra domanda?

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Fairtrade

Le settimane Fairtrade del commercio equo e solidale: compra etico e scopri online l’impatto dei tuoi acquisti

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook