Come sapere se vivo in una zona a elevato rischio sismico

immagine

Le brutte notizie delle scorse settimane dall’Emilia Romagna non penso abbiano lasciato tranquillo nessuno. Sappiamo che non è possibile prevedere quando arriverà un terremoto, possiamo però prendere consapevolezza dei rischi che corriamo e comportarci di conseguenza. Per esempio, sappiamo se viviamo o meno in una zona a elevato rischio sismico? La nostra casa è stata costruita secondo criteri antisismici? Credo che sia utile saperlo (…e lo dico anche a me stessa), ma come fare?

Rassegnamoci. Il territorio italiano è tutto classificato a rischio sismico. In teoria non c’è angolo del nostro paese dove la probabilità che si verifichi un terremoto, seppur lieve, sia zero. Dal 2003 il paese è suddiviso in 4 zone, dove la zona 1 indica quella più pericolosa dove possono verificarsi forti terremoti, e la zona 4 la meno pericolosa con basse possibilità. L’elenco dei comuni italiani e la loro relativa classificazione (fatta dalle Regioni) è disponibile sul sito della Protezione Civile, è possibile scaricare il file e cercare quindi il nome che ci interessa, e avere così una idea del rischio sismico del territorio in cui viviamo.

La classificazione ci può anche essere utile a capire se la nostra casa è sicura o necessita di eventuali ritocchi. Le case di nuova costruzione devono essere costruite rispettando le normative sismiche, ma per case un po’ più datate è utile confrontare l’anno di costruzione con l’anno in cui è entrata in vigore la normativa regionale che ha stabilito le classi di rischio nella nostra zona. Se è antecedente, allora non è detto che la nostra casa rispetti i criteri necessari. Inoltre, per le zone in classe 4, la meno pericolosa, è facoltà delle Regioni prescrivere l’obbligo della progettazione antisismica o meno, quindi bisogna fare un passaggio in più di verifica.

Per essere ancora più tranquilli, soprattutto se si vive in zone ad alto rischio, è bene poi rivolgersi a un tecnico specializzato come un ingegnere strutturista, affinché faccia un sopralluogo sul fabbricato e lo incroci con le caratteristiche geologiche per valutare se la vostra casa ha eventualmente bisogno di qualche ritocco, come interventi sui muri portanti o sui collegamenti tra le pareti e i solai.

Da ultimo, non dimentichiamoci di informarci presso il nostro comune dell’esistenza del Piano di Protezione Civile in caso di emergenza. Se c’é imparalo, se non c’è esigi che venga redatto!

Hello Fish!

Preservare i nostri mari un passo alla volta, a partire dalla stagionalità del pesce

Coop

Mini-muffin al cioccolato serviti e cotti nella buccia di clementine

Salugea

Come fare incetta di vitamina D in inverno per evitare una carenza

Coop

Le bottigliette d’acqua riciclate del Jova Beach Party diventano t-shirt sportive

Seguici su Instagram
seguici su Facebook