I costi nascosti di un hamburger [video]

immagine

Per chi pensa che mangiare carne sia la principale sciagura del mondo, ma anche e soprattutto per chi - come me - ritiene che già solo ridurne il consumo può fare un grande favore al pianeta, ecco un bel video a sostegno delle nostre idee. Elaborato dal Centre for Investigative Reporting, una organizzazione non governativa statunitense, con semplici animazioni riassume molte delle tematiche scottanti che stanno dietro la produzione industriale di carne (carne rossa e hamburger in particolare) e al suo eccessivo consumo. E ci ammonisce: non dobbiamo per forza rinunciare alla carne, ma se già ne diminuissimo il consumo solo di un terzo il consumo, il beneficio ambientale sarebbe notevole. Il video, vi avviso, è in inglese.



Che cosa ci dice questo video? I dati sono USA-centrici. Negli Stati Uniti si mangiano in media 3 hamburger la settimana, che moltiplicato per tutti gli statunitensi in un anno significano 158 milioni di tonnellate di gas serra, l'equivalente di 34 centrali a carbone. Allevare mucche richiede molta terra e molta acqua, 4 volte di più rispetto a quanto richiesto dall'allevamento di polli per esempio, e mangiare molta carne rossa causa malattie cardiovascolari, alta pressione sanguigna e diabete. Sommando tutto quanto, un hamburger dovrebbe costare $1,51 dollari in più. Sembra poco, ma ricordiamo sempre che questa cifra va moltiplicata per 3 hamburger la settimana e per tutti i milioni di americani che li divorano. Sono costi che non si pagano direttamente sul "prodotto", ma che subiamo e paghiamo in altro modo, in termini di impatti ambientali negativi e spese sanitarie aumentate.

Dal punto di vista climatico, come ben sappiamo, lo stomaco di una mucca è più inquinante di un motore a scoppio. La mucca è un ruminante, quando digerisce produce metano (21 volte più climalterante della CO2) e NO2 (331 volte più climalterante della CO2). Povera mucca, non è lei che è fatta male, è che noi le facciamo mangiare continuamente qualcosa che non digerisce bene, ovvero mangimi a base di soia e mais, che le fanno venire una colite pazzesca aumentandone la flatulenza climalterante. Pollo e maiale non hanno questo problema, ad esempio, e causano problemi sanitari minori. Negli USA il consumo di carne rossa sta leggermente diminuendo a favore di questi ultimi due, ma non nel resto del mondo. Quindi l'attenzione sul problema resta alta.

Dobbiamo quindi mangiare solo verdure? Qualcuno direbbe di sì. Io dico, più moderatamente, che realisticamente parlando non possiamo imporre a tutto il mondo di non mangiare più carne da un giorno all'altro, cominciamo quindi con il ridurne il consumo, soprattutto di carne rossa. Se ogni cittadino americano rinunciasse a mangiare carne e formaggio per un solo giorno della settimana, l'effetto sarebbe equivalente al togliere 7,6 milioni di automobili dalla strada per un anno intero. Vi pare poco? Per cominciare no di certo.



Foto | uhuru1701

arona tgi

SEAT

Nuova SEAT Arona TGI a metano: prezzi, modelli e caratteristiche

whatsapp

WhatsApp

greenMe è su WhatsApp! News sul tuo cellulare ogni giorno

Semi antichi: l’UE conferma il no alla vendita
Vacanze green negli hotel ecologici Legambiente
 

Commenti 6

Siamo bombardati da triliardi di spot pubblicitari da tutte le parti, ma siamo (ancora) capaci di discernere quello che dobbiamo cliccare e leggere, tranquilli, raga!

0
Siamo bombardati da triliardi di spot pubblicitari da tutte le parti, ma siamo (ancora) capaci di discernere quello che dobbiamo cliccare e leggere, tranquilli, raga!
Ospite - nico il 10 08 2012

Salve,
mi preme informavi che nella pagina del sito:
http://www.greenme.it/mangiare/alimentazione-a-salute/4600-junk-food-i-10-peggiori-cibi-da-evitare-nelle-nostre-diete

compare la pubblicità dell'aspartame.
Saluti
Nico

0
Salve, mi preme informavi che nella pagina del sito: http://www.greenme.it/mangiare/alimentazione-a-salute/4600-junk-food-i-10-peggiori-cibi-da-evitare-nelle-nostre-diete compare la pubblicità dell'aspartame. Saluti Nico
Ospite - LaVivi il 10 08 2012

Si tratta di banner Google che escono in automatico in base alle parole chiave che trovano nell'articolo o ai siti visitati di recente. Noi cerchiamo di togliere quelli non in linea con la nostra filosofia ma è quasi un'impresa impossibile perché ne esce praticamente uno nuovo al giorno . Che poi va a scapito loro (e nostro) perché nessun lettore di greenMe.it ci cliccherà mai. A volte ci sembra di combattere contro i mulini a vento.... (Redazione greenMe.it)

0
Si tratta di banner Google che escono in automatico in base alle parole chiave che trovano nell'articolo o ai siti visitati di recente. Noi cerchiamo di togliere quelli non in linea con la nostra filosofia ma è quasi un'impresa impossibile perché ne esce praticamente uno nuovo al giorno . Che poi va a scapito loro (e nostro) perché nessun lettore di greenMe.it ci cliccherà mai. A volte ci sembra di combattere contro i mulini a vento.... (Redazione greenMe.it)
Ospite - Elio il 11 08 2012

Mi preme sottolineare che, sebbene "onnivoro", la carne ha avuto un ruolo determinante nello sviluppo fisico e mentale dell'uomo. un consumo, certo più consapevole di quanto non lo sia oggi in molte parti del mondo e senz'altro negli usa, non solo è logicamente ammissibile, ma raccomandato.

0
Mi preme sottolineare che, sebbene "onnivoro", la carne ha avuto un ruolo determinante nello sviluppo fisico e mentale dell'uomo. un consumo, certo più consapevole di quanto non lo sia oggi in molte parti del mondo e senz'altro negli usa, non solo è logicamente ammissibile, ma raccomandato.
Ospite - Badtzmaru il 06 08 2012

Il principio è giusto, ma è presentato in modo capzioso perché il fine del rispetto dell'ambiente passa inevitabilmente per il rispetto delle forme di vita che lo abitano. Il danno primario provocato dall'industria della carne è la tortura e la morte di miliardi di esseri viventi che vengono sacrificati (assieme a salute e ambiente) in nome del profitto. L'essere umano non ha bisogno di mangiare la carne in quanto onnivoro (scienza docet). Se avesse dovuto mangiarla per forza, sarebbe stato classificato come carnivoro. Easy.
Non si può pensare alla terra fregandosene di chi la abita, perché si perde di credibilità e si dimostra un interesse frutto solo di un malcelato egoismo.

0
Il principio è giusto, ma è presentato in modo capzioso perché il fine del rispetto dell'ambiente passa inevitabilmente per il rispetto delle forme di vita che lo abitano. Il danno primario provocato dall'industria della carne è la tortura e la morte di miliardi di esseri viventi che vengono sacrificati (assieme a salute e ambiente) in nome del profitto. L'essere umano non ha bisogno di mangiare la carne in quanto onnivoro (scienza docet). Se avesse dovuto mangiarla per forza, sarebbe stato classificato come carnivoro. Easy. Non si può pensare alla terra fregandosene di chi la abita, perché si perde di credibilità e si dimostra un interesse frutto solo di un malcelato egoismo.
Ospite - LESE il 11 08 2012

sono d'accordo. in più credo che in Italia, la situazione non sia poi così diversa. Siamo in minor numero rispetto agli usa e sicuramente mangiamo più pasta/pizza e pesce (altro fattore notevole nell'impatto ambientale). Inutile continuare ad attribuire la causa principale agli allevamenti USA; è diventato di fatto un alibi.

0
sono d'accordo. in più credo che in Italia, la situazione non sia poi così diversa. Siamo in minor numero rispetto agli usa e sicuramente mangiamo più pasta/pizza e pesce (altro fattore notevole nell'impatto ambientale). Inutile continuare ad attribuire la causa principale agli allevamenti USA; è diventato di fatto un alibi.
Già registrato? Login qui
Ospite
Martedì, 26 Marzo 2019
sai cosa compri
dieta
integratori
lievito madre
oli essenziali
ricette
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
seguici su facebook
corsi pagamento
whatsapp gratis
seguici su instagram