Saturno e la Luna stasera camminano vicini: ecco come osservarli

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

 

La Luna, così familiare, così vicina…E Saturno, così distante e sconosciuto. Ma per una sera, i due corpi celesti saranno a due passi l’uno dall’altro, almeno guardando dalla nostra prospettiva terrestre. Ecco come fare per individuarli nel cielo notturno.

Questa sera il pianeta con gli anelli e il nostro unico satellite naturale saranno l’uno di fianco all’altro. Un evento che non accade spesso, la congiunzione tra la Luna e Saturno.

Come fare per osservare il fenomeno? Come sempre il consiglio è quello di spostarsi in una zona non molto illuminata per evitare che l’inquinamento luminoso possa rovinare lo spettacolo. Meglio aspettare almeno un’ora dopo il tramonto del sole, quando il cielo sarà ormai del tutto buio. Poi basterà trovare la luna. A quel punto, guardando in alto, alla sua sinistra dovremmo scorgere un puntino luminoso di colore bianco-giallastro. Et voilà, quello è Saturno, come mostra l’infografica in alto di Space.com. La congiunzione sarà osservabile per tutta la notte ma a poco a poco sia la luna che il pianeta si sposteranno, e Saturno si troverà esattamente sopra il nostro satellite.

Una vicinanza solo apparente, va precisato. La luna è molto più vicina a noi rispetto a Saturno. Per intenderci, la distanza che separa il nostro pianeta dalla Luna è in media di circa 384.400 km, mentre quella tra la Terra e Saturno è di quasi 1 miliardo di km. Questa sera però la luna sarà 3.673 volte rispetto al pianeta, a soli 363.000 km di distanza rispetto al miliardo di chilometri di Saturno.

Ma non è finita. Nel corso delle prossime notti sarà possibile assistere ad un altro spettacolo, che vede sempre Saturno tra i protagonisti. Insieme ad Arturo e Spica il pianeta creerà in cielo un triangolo luminoso e ben visibile.

b2ap3_thumbnail_triangolo-saturno.jpg

 

Attenzione, non confondiamolo con triangolo estivo formato da Vega, Altair e Deneb e osservabile da luglio in poi. Questa volta quello che vedremo sarà una specie di triangolo isoscele quasi perfetto nella la parte sud-est del cielo. Il triangolo ha ai vertici Arturo, la terza stella più brillante dell’intera volta celeste, Spica o Spiga, la stella più luminosa della costellazione della Vergine e Saturno. Spica e Saturno formano la parte inferiore del triangolo, la prima a destra e il secondo a sinistra, Arturo si troverà in alto.

Universo Green è anche su Facebook e su Twitter

LEGGI anche:

A maggio eclissi di sole e di luna, con le stelle cadenti al seguito

Ecco cosa vedremmo se al posto della Luna ci fossero i pianeti

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook