La Nasa si prepara a trascinare un asteroide fino alla Luna

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Trovate un asteroide, acciuffatelo con un lazo, in pieno stile cowboy, poi mettetelo in tasca e portatelo vicino alla Terra, nell’orbita della Luna. Preparate l’occorrente, nel 2021 si va a visitarlo. Se i piani della Nasa fossero confermati e se il presidente Obama, di recente interpellato sull’idea, dovesse mettere a disposizione i primi 105 milioni di dollari, consideratela cosa fatta.

Nel 2017, l’asteroide sarebbe ‘catturato’ da un veicolo robotico, spostato nell’orbita lunare nel corso di un biennio in attesa che l’uomo, nel 2021, possa mettere piede sulla roccia spaziale. E la cosa non sembra poi così difficile. L’Agenzia spaziale americana sembra avere già pronti o quasi i mezzi e le tecnologie. Pensate al piccolo robot Curiosity che su Marte sta compiendo un lavoro di ricerca non da poco. O alla sonda Dawn che è già entrata nell’orbita del grosso asteroide Vesta e presto visiterà anche quella di Cerere.

Nulla di nuovo, a parte Orion, la navicella che dovrebbe portare per la prima volta a bordo di un asteroide e sulla quale la Nasa sta ancora lavorando.

Ma è davvero possibile catturare un asteroide e portarlo a passeggio nello spazio? Occorre innanzitutto chiedersi quanto grande sarà la roccia. Probabilmente dovrebbe avere un diametro di 7 metri e un peso di 500 tonnellate. Per catturarlo e trascinarlo è necessario un veicolo spaziale robotico capace di sostenere anche il suo peso fino a raggiungere la parte superiore dell’orbita lunare. Per la “modica” cifra di 2,6 miliardi di dollari.

Una volta agganciato dal veicolo, quest’ultimo lo conserverà in una sorta di stiva dove dovrà prima modificarlo per renderlo adatto all’orbita lunare.

Ma soprattutto, perché? Oltre alle conoscenze scientifiche che l’uomo potrà acquisire, la missione ha come obiettivo lo sviluppo delle tecnologie che in futuro porteranno alla trivellazione degli asteroidi per cercare le materie prime. Non stupitevi, James Cameron (sì, proprio lui, il regista) si sta già impegnando, e non è il solo. Anche la Deep Space Industries è interessata all’estrazione sugli asteroidi…

Che ne pensate?

Universo Green è anche su Facebook e su Twitter

Leggi anche:

Emissioni inquinanti: la Cina pronta a portare la CO2 su Marte

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook