In Antartide trovato un meteorite di 18 kg

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Una macchia scura ben visibile in mezzo al bianco della neve. Siamo in Antartide, presso la base di ricerca belga Princess Elisabeth Antarctica. Qui un team di geologi originari del Belgio e del Giappone intento ad ispezionare il continente ghiacciato a bordo delle motoslitte, si è imbattuto in qualcosa di particolare: un meteorite di 18 kg.

Non credevano ai propri occhi, i geologi. Un grosso sasso scuro, poi classificato come condrite ordinaria, è ciò che resta di un meteorite ben più grande, le cui origini sono ancora sconosciute. La roccia è la più grande scoperta negli ultimi 25 anni e la quinta per dimensioni mai ritrovata.

Durante la spedizione durata 40 giorni ad un’altitudine di 2.900 metri, il team ha trovato 425 meteoriti, con un peso complessivo di 75 kg. Una bella inaspettata per i ricercatori, che non si aspettavano di trovare una roccia caratterizzata da quel peso e da grandi dimensioni. Meteoriti di questo tipo non sono frequenti in Antartide, come ha spiegato Vinciane Debaille, geologo dell’Université Libre de Bruxelles, che ha guidato la squadra belga durante la spedizione.

 

Questa è il più grande meteorite trovato in Antartide orientale negli ultimi 25 anni, quindi è una scoperta molto speciale per noi, resa possibile solo grazie alla presenza e alla posizione della Princess Elisabeth Antarctica“.

Quest’ultima è la prima stazione di ricerca al mondo a zero emissioni, ed è gestita dalla International Polar Foundation. Durante la sua progettazione, si è tenuto conto delle tecnologie edilizie passive sfruttando l’energia eolica e solare, realizzando impianti di trattamento dell’acqua e una rete intelligente per massimizzare l’efficienza energetica.

b2ap3_thumbnail_Princess-Elisabeth-Antarctica.JPG

Situato nell’Antartide orientale, la base accoglie gli scienziati di tutto il mondo che qui possono condurre ricerche in questo ambiente poco studiato e ancora incontaminato.

Universo Green è anche su Facebook e su Twitter

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook