Bentornata #AstroSamantha!

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

200 i giorni che Samantha Cristoforetti e 200 i minuti che ha impiegato per volare dallo spazio alla Terra, dalla Stazione spaziale, che è stata la sua casa per quasi 7 mesi, al nostro pianeta. La prima italiana in orbita oggi è rientrata, forse un po’ frastornata dall’atterraggio non proprio comodo.


Ad accogliere la piccola navetta Soyuz sono state le steppe del Kazakistan dove la capsula si è paracadutata con a bordo l’astronauta italiana e i due colleghi, il russo Anton Shkaplerov e l’americano Terry Virts.

Alle 12.20 di oggi, ora italiana, i tre hanno salutato i compagni rimasti nello spazio e hanno iniziato il viaggio di ritorno a casa, passando da una velocità di 28mila km/h a zero in meno di tre ore.

Spiega l’Asi: “Arrivati a 140 km di altezza i tre moduli di cui è composta la Soyuz si sono separati e dopo circa 3 minuti è avvenuto l’ingresso in atmosfera. A 10 km di altezza si è aperto il paracadute che ha rallentato la discesa fino a una velocità di circa 22 Km/h, ridottasi ulteriormente a 5 Km/h”.

Si conclude così l’avventura spaziale di @AstroSamantha, che ci ha deliziati con le sue bellissime foto della Terra, fino alla fine:

Un po’ di fortuna ha accompagnato la nostra astronauta che per via dell’incidente alla navicella russa Progress, lo scorso maggio, ha fatto rientro quasi un mese dopo la data del 14 maggio, inizialmente prevista. Da qui i record conquistati: oltre a essere la prima italiana nello spazio, è anche l’astronauta dell’Agenzia Spaziale Italiana ad aver trascorso più giorni totali in orbita, l’astronauta dell’Esa con più giorni consecutivi nello spazio e la donna che ha trascorso più giorni consecutivi nello spazio, superando l’americana Sunita Williams.

Eccola sorridente dopo essere stata estratta dalla navetta.

Anche nello spazio, Samantha Cristoforetti ha fatto molta attenzione all’alimentazione, come ci aveva raccontato nel corso di un’intervista prima della partenza:

“Proteine sane, cereali integrali e carboidrati a basso indice glicemico, antiossidanti, fibre, frutta, verdura, olivo d’oliva, cioccolato fondente ad altissimo contenuto di cacao, semi. Tutte cose che possiamo classificare come cibo medicina, buone e che fanno stare bene.”

E bene lo è stata la nostra Samantha, che ci ha salutati con una bellissima foto dell’Italia dallo spazio scattata proprio ieri, alla vigilia della partenza.

Universo Green è anche su Facebook e su Twitter

LEGGI anche:

Samantha Cristoforetti, yoga e cibo medicina: la prima italiana nello spazio si racconta. La nostra intervista

#AstroSamantha e l’Italia vista dalla Iss: le foto di #Futura42

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook