A maggio eclissi di sole e di luna, con le stelle cadenti al seguito

b2ap3_thumbnail_eclissi_maggio_2013.jpg

Eclissi anulare di sole, eclissi penombrale di luna, stelle cadenti. Il mese di maggio ospiterà un bel po’ di fenomeni celesti. Di certo non saranno visti da tutto il pianeta, ma alcuni fortunati abitanti della Terra potranno assistere all’apparizione nel cielo dell’anello di fuoco, un rito che si ripete ogni anno in questo periodo. Ecco come osservare le eclissi di maggio e le meteore.

Già nel corso di questo weekend sarà possibile osservare le Eta Aquaridi, ciò che resta della cometa di Halley. Scovarle non sarà molto semplice visto che il loro radiante, ossia il punto da cui hanno origine è molto basso sulla linea dell’orizzonte. Tuttavia, chi vive nell’emisfero sud potrà ammirare uno spettacolo mozzafiato, simile a quello che noi osserviamo ad agosto, a San Lorenzo.

In ogni caso, in Italia saranno le regioni meridionali a poter osservare le meteore per un periodo di tempo più lungo, come spiega l’Uai, da quando il radiante sorge fino all’iniziare del crepuscolo mattutino, secondo cui “il radiante, posto nella zona più alta dell’Aquario, sarà attivo per quasi un mese, con un aumento evidente della frequenza dal 3 al 10 maggio e un picco maggiore intorno al 5/6 maggio”.

Tra il 9 e il 10 maggio ci sarà poi la prima eclissi del mese, la seconda dell’anno dopo quella del 25 aprile scorso. È l’eclissi anulare di Sole, che si verifica quanto la Luna si trova allineata tra la Terra e il Sole, ad una distanza tale da non permetterne una copertura totale essendo l’orbita della Luna appena ellittica. Il satellite infatti si troverà abbastanza lontano da non riuscire a coprire del tutto il disco solare.

Chi potrà osservarla? Mettiamoci il cuore in pace, noi europei. Com’è accaduto per l’eclissi di Sole del 13 novembre, potrà vedere l’anello di fuoco chi vive in Australia, Papua Nuova Guinea, Isole Salomone e Isole Gilbert. Gran parte del Pacifico potrà comunque accontentarsi di vedere l’eclissi parziale (Indonesia, Oceania). Il percorso anulare inizia nella zona occidentale dell’Australia vicino Collier Range National Park alle 22.33 UT (23.33 ora italiana).

Il 25 maggio toccherà invece alla Luna, con un’eclissi di penombra. In questo caso, la Terra che si trova allineata col sole e il nostro satellite naturale, si trova perfettamente al centro, proiettando la sua ombra sulla luna. Quest’ultima però non attraversa il disco di ombra, passando solo nella sua zona di penombra. Ecco perché si chiama eclissi penombrale. L’evento sarà visibile dall’Africa, dall’Europa, dalla parte occidentale del continente americano e dall’Asia Orientale. A che ora guardare il cielo? Si comincia alle 4.53 ora italiana, e il fenomeno si concluderà circa mezz’ora dopo.

Universo Green è anche su Facebook e su Twitter

LEGGI anche:

28 novembre: in arrivo l’eclissi penombrale di luna

25 aprile: in arrivo l’eclissi di luna ‘rosa’

Germinal Bio

Dire addio alla plastica si può: l’esempio da seguire di Germinal Bio

WhatsApp

Usi WhatsApp? Iscriviti alle nostre news gratuite

Triumph

Together we recycle: Triumph ricicla i capi usati in nome dell’ambiente

Salugea

Come depurare il fegato con gli estratti vegetali

tuvali
seguici su Facebook