1998 QE2: l’asteroide gigante che si avvicina alla Terra

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Nome in codice 1998 QE2 ed è il nuovo asteroide che tra qualche giorno, il 31 maggio, verrà a farci una visitina. La presenza dell’asteroide è stata segnalata dal Jet Propulsion Laboratory della Nasa che monitora la situazione delle rocce potenzialmente pericolose attraverso il Programma Neo.

Secondo la Nasa, l’asteroide ha un diametro di 1,4 chilometri, ma la sua traiettoria non desta preoccupazione visto che non coincide con l’orbita terrestre. Anzi. Il passaggio ravvicinato della roccia spaziale offrirà agli appassionati e soprattutto agli scienziati la possibilità di avere a portata di mano, si fa per dire, materia prima da studiare senza neanche dover lanciare satelliti in orbita.

Anche gli appassionati di astronomia che si trovano nei pressi di centri dotati di un telescopio radar potranno seguire il passaggio in diretta di 1998 QE2. Tra essi quelli di Goldstone e Arecibo, rispettivamente in California, nel deserto del Mojave e nella Repubblica Dominicana, a Puerto Rico.

Cosa accadrà il 31 maggio? L’asteroide passerà nei pressi della Terra ad una distanza di 5,8 milioni km, ossia circa 15 volte la distanza che separa la Terra dalla Luna. L’ora del passaggio è stata stimata attorno alle 22 (ora italiana).

Ma l’asteroide non è un ‘volto nuovo’ ma si tratta di una vecchia conosceza. Fu scoperto 25 anni fa, il 19 agosto 1998 dal programma Linear del MIT. “Ci aspettiamo di ottenere una serie di immagini ad alta risoluzione che potrebbero rivelare la ricchezza delle caratteristiche di superficie“, ha detto l’astronomo Lance Benner, ricercatore principale di Goldstone. “Ogni volta che un asteroide si avvicina a questa distanza, fornisce un’importante opportunità scientifica per studiarlo in dettaglio e per conoscerne dimensione, forma, rotazione, caratteristiche della superficie“.

Universo Green è anche su Facebook e su Twitter

LEGGI anche:

La Nasa si prepara a trascinare un asteroide fino alla Luna

Asteroide scoperto tardi? Per la Nasa l’unica soluzione è pregare

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook