Altro che film, la Iss costretta a manovra d'emergenza domenica per schivare i rifiuti spaziali

b2ap3_thumbnail_Gravity_iss.jpg

Se pensavate che Gravity fosse solo una delle solite “americanate hollywoodiane”, vi sbagliavate. Altro che fantascienza. I rifiuti spaziali stavano davvero per colpire la Stazione Spaziale Internazionale, qualche giorno fa. A renderlo noto è stata la Nasa lo scorso 16 marzo ma nessuno ne ha parlato.

Nella notte tra domenica e lunedì, i tecnici di volo sono stati costretti ad effettuare una manovra per evitare che i resti di un vecchio razzo russo in disuso, il METEOR 2-5, si avvicinassero pericolosamente alla ISS.

Oltre 7 minuti di manovra, organizzata e coordinata per tutto il giorno dalla Nasa in collaborazione con i controllori di volo russi, utilizzando i propulsori del Progress 54 per portare più in alto la stazione di mezzo meglio, circa 800 metri.

Il frammento, di dimensioni sconosciute, secondo i primi calcoli si sarebbe avvicinato alla Stazione durante la notte, passando ad una distanza inferiore ai 16 km dalla Stazione. Troppo pochi quando ci si trova a 400 km di distanza dalla superficie terrestre. La Stazione Spaziale è stata dunque portata ad un buon margine di distanza dal percorso dei detriti del satellite, avvistati qualche ora prima del loro passaggio nei pressi della ISS.

Il satellite russo era stato lanciato nel mese di ottobre del 1979 portando con sé strumenti ed apparecchiature scientifiche. Oggi è poco più che un relitto.

Non si tratta però della prima manovra di questo tipo. L'ultima volta che gli astronauti si erano trovati costretti ad evitare un rifiuto spaziale era il 31 ottobre 2012 e prima ancora nel 2010.

Purtroppo la spazzatura non è solo di questo mondo.

Universo Green è anche su Facebook e su Twitter

LEGGI anche:

Rifiuti spaziali: la Terra e' in pericolo

Rifiuti spaziali: ci pensa il Giappone a distruggerli

Gravity, 7 oscar e i complimenti della Nasa con #RealGravity

Vota:
[FOTO] Anarchici e ribelli che non credono nelle r...
Meditazione: 6 buoni motivi per iniziare subito
 

Commenti

Nessun commento ancora fatto. Sii il primo a inserire un commento
Già registrato? Login qui
Ospite
Venerdì, 17 Novembre 2017