Stipsi anche nel nostri animali: quali i rimedi naturali?

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Anche i vostri cani e gatti soffrono di stitichezza? Ecco alcuni rimedi naturali per facilitare la defecazione

In uno dei precedenti articoli abbiamo affrontato uno dei tanti sintomi che molto spesso si presenta nei nostri amici a 4 zampe, la diarrea (Diarrea in cani e gatti: cause e rimedi naturali per curarla), come disturbo passeggero che può scomparire nel giro di 24-48 ore, anche senza ricorrere all’utilizzo di farmaci ma controllando eventualmente solo l’alimentazione, oppure vero e proprio indice di malattia.Ma i nostri animali possono essere interessati anche dal disturbo opposto: la stipsi.

Anche la stipsi può presentare diverse cause: un soggetto può essere più o meno predisposto, oppure essere dovuta ad una alimentazione troppo asciutta e non integrata a sufficienza con dei liquidi, oppure essere una conseguenza di un vero e proprio problema a carico dell’apparato digerente che impedisce l’evacuazione (?) delle feci (ad esempio delle ostruzioni intestinali, ernie perineali, megacolon del gatto, ecc. ecc).

Gli animali interessati presentano difficoltà a defecare pur mantenendo lo stimolo, oppure riescono ad espellere poche feci, solitamente piuttosto asciutte ed eventualmente con qualche traccia di sangue a causa dello sforzo esercitato e la rottura di qualche capillare.

Se comunque non presentano altri sintomi, nell’insieme sono ancora vigili e attivi, mantengono l’appetito e la voglia di giocare, allora si può cercare di aiutarli semplicemente passando ad una alimentazione più ricca di liquidi e verdure (come carote, zucchine, spinaci), aggiungendo anche un po’ di olio di oliva o di lino (che come anche gli altri oli di semi agiscono positivamente anche sul pelo); alla pappa può essere aggiunta ad esempio un po’ di crusca, la quale stimola la peristalsi intestinale. Un altro rimedio naturale sono i semi di psillio oppure il decotto di malva utile anche nel caso in cui l’infestino fosse irritato/infiammato. Buona norma come tutte le volte che abbiamo dei disturbi a carico dell’apparato digerente, è la somministrazione di fermenti lattici che rigenerano la flora intestinale; in caso si abbia anche flatulenza si può ricorrere anche al carbone vegetale. Acqua fresca (a temperatura ambiente) sempre a disposizione.

Se invece il problema risulta più ostinato e nonostante questi primi rimedi non si risolve, oppure il cane/gatto presenta altri sintomi, consiglio di portarlo dal veterinario, il quale può intervenire, a seguito di una attente visita, effettuando un semplice clistere oppure indagando più approfonditamente con delle radiografie o un’ecografia.

LEGGI anche:

Qual è la dieta giusta per il nostro cane? Meglio il più naturale possibile

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook