Spiriti delle piante: la bocca di leone e gli strani folletti che la abitano

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Capovolgendo le capsule mature che si formano dopo i fiori della bocca di leone, potete vedere i folletti spaventosi che la abitano

Sta per finire investito, la mamma lo salva

Vi siete mai divertiti a cercare i folletti? È uno dei miei passatempi preferiti quando viaggio. Ad esempio, quando lavoravo nel deserto, nel corso dei lunghi spostamenti in fuoristrada, in ogni roccia (era un deserto roccioso) e in ogni montagna vedevo i volti di esseri fantastici, i folletti, o spiritelli di Natura che animano qualunque cosa. Tutto senza fumare piante strane, ho anche le foto.

Un esempio? Il folletto delle Bocche di Leone (Antirrhinum majus L.) una pianta annuale molto comune e rustica, che fa fiori multicolori dall’aspetto simile a grosse labbra carnose. Le mie quest’anno sono nate gialle, si disseminano da sole, e crescono senza bisogno di innaffiature o cure particolari.

b2ap3_thumbnail_1_20140729-165826_1.jpg

Da bambina mi divertivo a stringere la corolla ai lati e a fare aprire la bocca al leone, che aveva addirittura i denti, sopra gli stami e sotto gli stimmi del fiore. Si chiama corolla personata.

b2ap3_thumbnail_aperta.jpg

La spiga di fiori, una volta avvenuta l’impollinazione, si trasforma in una spiga di frutti, capsule nelle quali a maturità, quando sono secche, si aprono tre forellini.

b2ap3_thumbnail_semi-su.jpg

Nei miei giochi di bambina erano delle piccole saliere, con le quali condivo i miei piatti di semini neri.

Staccate dalla pianta una spiga di capsule mature e capovolgetela. Non farete alcun male alla pianta perché, essendo una specie annuale, una volta prodotti i semi tutta la pianta morirà: darete una mano alla sua diffusione, spargendo i semi in giro.

b2ap3_thumbnail_5okweb.jpg

Li vedete i folletti? Sembrano anche leggermente cattivelli, mi ricordano le Tsanta. Brrrr!

b2ap3_thumbnail_10.jpg

Buon divertimento, alla ricerca dei folletti!

b2ap3_thumbnail_11.jpg

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Scienze Naturali, è specializzata in Botanica ed Etnobotanica ed Alimurgia. È stata per anni docente universitaria e nelle scuole di ogni ordine e grado, ha visitato tutto il mondo possibile e negli ultimi 10 anni ha sviluppato un’attività privata di divulgazione per avvicinare il pubblico al mondo delle piante, tramite corsi ed attività pratiche di erboristeria casalinga e cucina naturale a base di piante spontanee e officinali. Ora ha la sua azienda agricola "Arte Botanica", dove produce liquori, dolci e preparati a base di piante officinali e fiori.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook