Seed rotation, ovvero quali semi consumare a seconda del ciclo mestruale (o lunare)

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Che i semi oleosi siano elementi fondamentali di una buona alimentazione si sa, bisogna però anche tenere in conto il momento più adatto per consumarli. Dato che il cibo è la miglior medicina, piccoli accorgimenti possono fare la differenza a livello di salute. In particolare alcuni semi oleosi sono perfetti per riequilibrare gli ormoni femminili e di conseguenza il ciclo mestruale, in quanto apportano oli, nutrienti e vitamine indispensabili.

Esiste una tecnica chiamata Seed Rotation (rotazione di semi) o Seed Cycling (cicli di semi) che può essere utilizzata sia in base al ciclo mestruale (il piano proposto si basa su un ciclo della durata di 28 giorni ma ovviamente ciascuna potrà adattarlo al suo, il “ciclo perfetto” non esiste) o al ciclo lunare (se le mestruazioni sono molto irregolari, per le donne in menopausa e, perché no, anche per gli uomini).

Considerando come primo giorno quello dell’arrivo delle mestruazioni o quello di luna nuova, dal giorno 1 al giorno 14 (quindi fino all’ovulazione o alla luna piena) per le donne è consigliato il consumo di semi di lino e semi di zucca (un cucchiaio da tavola al giorno di ognuno). In questa fase, detta follicolare, il nostro corpo ha bisogno di incrementare il livello di estrogeni per far sì che cresca l’endometrio (futura culla per un eventuale ovulo fecondato-feto-bebé).

Dal giorno 14 al giorno 28 (quando la luna è calante o noi ci avviciniamo alle mestruazioni), nella fase detta lutea, inizia ad aumentare il progesterone. In questo momento del mese è molto utile consumare un cucchiaio al giorno di semi di sesamo (ad alto contenuto di zinco)e semi di girasole (ricchi in vitamina E).

b2ap3_thumbnail_Seed-rotation-CFB-798x1024.png

Il bilancio ormonale nella fase premestruale è importante per evitare malesseri come mal di testa, ansia, sonnolenza estrema (progesterone troppo basso) o anche seno dolorante, lunaticità, perdita di capelli (estrogeni troppo alti) e il consumo dei semi oleosi menzionati può prevenire e alleviare i tipici sintomi di questa fase del ciclo.

Il modo più efficace per assumere i semi oleosi è tritandoli (meglio piccole quantità alla volta per mantenerne intatte le proprietà nutritive) e aggiungendoli poi a insalate, succhi o zuppe, il tutto per almeno due mesi.

Per gli uomini invece il ciclo consigliato è all’inverso, ovvero semi di lino e zucca in luna calante, sesamo e girasole in fase crescente. L’effetto benefico è sempre quello di regolare e bilanciare la produzione ormonale.

Oggigiorno siamo tutti sottoposti a molti fattori che possono alterare la normale produzione di ormoni (stress, inquinamento, cattive abitudine alimentari, eccesso di caffeina e alcool, ecc.) per cui un “aiutino” vegetale può sicuramente essere fonte di molti benefici. Se ciò viene fatto in concordanza con la giusta fase mestruale o lunare poi, ancora meglio!

Fonte foto: Herbal Academy of NE, Hormones Balance

Christine Michel F.

Spirali di Luna è anche su Facebook!

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook