La Doula: colei che sta accanto alla madre

In Italia la figura della doula è pressoché sconosciuta, benché sia una presenza di vitale importanza nell’accompagnamento alla maternità. La parola viene dal greco e significa “colei che serve la donna“, in quanto si tratta di una figura che sostiene emotivamente e psicologicamente la madre nel periodo pre e post parto, a volte fino al primo anno di vita del bebè.

Nella società moderna, dove le famiglie allargate quasi non esistono più, non è raro che le future madri si sentano sole e abbandonate a se stesse davanti a uno dei momenti di cambio più radicale della loro vita. Per questo è importante che, laddove prima vi erano tutte le donne della famiglia a sostenerla e aiutarla, vi sia oggi almeno una persona che possa ricreare lo spirito di sorellanza e appoggio femminile che la partoriente necessita.

Fra i compiti della doula, “colei che fa da madre alla madre”, vi sono infatti l’accompagnamento durante la gravidanza sia sul piano emotivo che fisico (con consigli e rassicurazioni per la preparazione al parto, aiuto in faccende pratiche come cucinare, massaggi ecc.) così come l’assistenza personalizzata durante il travaglio. Ovviamente l’ostetrica resta l’unica persona autorizzata ad eseguire manovre di parto, ma la doula starà comunque al fianco della donna fornendole tutto il suo appoggio e, soprattutto in caso di madri single, la certezza di avere una mediatrice che si assicuri che sia fatta la sua volontà in caso di eventuali interventi medici.

b2ap3_thumbnail_49447376.jpg

La doula è fondamentale soprattutto nell’ottica di un parto libero che corrisponda alle esigenze e ai desideri della gestante. Non solo risponderà a tutti i suoi dubbi e dissiperà le sue paure ascoltandola senza giudicare, ma le permetterà di vivere questo rito di passaggio con la massima consapevolezza, infondendole fiducia in se stessa e nel suo potente istinto di donna, oltre ad accompagnarla nella scelta di dove, come e con chi desidera partorire. Se poi il parto dovesse complicarsi, le starà affianco facendo sì che in questo sacro momento femminile sia rispettata la decisione della madre, impedendo che le si applichino procedure contro la sua volontà (come invece spesso accade negli ospedali, dove impera l’arroganza medica in materia).

La doula è una facilitatrice della migliore esperienza di maternità, è una professionale specializzata ma non è una figura sanitaria e non fornisce pareri medici. Il suo ruolo è importante dal punto di vista emotivo, psichico e spirituale, per far sì che la donna si riappropri dell’esperienza del parto e si rammenti che grazie al suo istinto sa già come partorire.

b2ap3_thumbnail_what-is-a-doula.pngb2ap3_thumbnail_1970546_757099000967193_609622942_n.jpg

Una volta nato il bebè, ovunque la nascita abbia luogo, i neo-genitori o la neo-mamma si ritrovano davanti a una situazione del tutto nuova (soprattutto nel caso sia la prima gravidanza) di fronte alla quale l’aiuto e i consigli della doula possono essere davvero preziosi. Da elementi pratici (come e quante volte allattare, come cambiare i pannolini, ecc.) all’accompagnamento emotivo alla nascita della nuova madre (oltre che del neonato e del nuovo padre), la doula è una figura in grado di armonizzare la vita familiare di fronte a questo impatto pieno di novità, permettendo alla donna di viverlo con serenità e fiducia.

La doula fornisce accompagnamento anche in caso di aborto e perdita del bebè, garantendo l’appoggio emotivo che si necessita in un momento così delicato e doloroso.

Come si diventa doula? In Italia vi sono delle associazioni come Mondo Doula e Mamma Doula che organizzano corsi di formazione in varie città che in genere si articolano sull’arco di 9 mesi, proprio come una gravidanza. Vi è poi da fare un tirocinio e proseguire la formazione con corsi di aggiornamento. L’associazione Doule Italia fornisce molte informazioni utili a riguardo e mette a disposizione una rete di contatti.

In Italia purtroppo la figura della doula non è ancora riconosciuta dalla legge, al contrario di quanto accade negli Stati Uniti, in Inghilterra e in altri paesi europei, e questo spesso si ripercuote sui prezzi del servizio che non è coperto dallo Stato. Ciò nonostante c’è chi si impegna perché la situazione cambi e per far sì che questo percorso iniziatico femminile sia vissuto con tutto l’appoggio e la serenità possibili.

Foto: Flickr/ Schwangerschaft, Naceunadoula

Christine Michel F.

TuVali

+ di 100 corsi online su Salute e Benessere, a partire da 5€ su TuVali.it

Gewiss

Joinon: le nuove colonnine di ricarica smart che si gestiscono via app

Izanz

Quanti e quali tipi di zanzare esistono in Italia?

Coop

L’impegno di Coop nell’emergenza coronavirus

Roma Motodays
Seguici su Instagram
seguici su Facebook