La bio-casa in spalla: arriva la tenda eco-sostenibile a energia solare

b2ap3_thumbnail_refugio-eco-en-su-interior.jpg

Nel contesto odierno in cui tanti rifugiati hanno bisogno di una casa, ecco un’idea innovativa e sostenibile che potrebbe cambiare la vita di molti. L’architetta giordano-canadiense Abeer Seikaly ha progettato, proprio con l’emergenza profughi in mente, una tenda multiuso dotata delle ultime tecnologie di energie rinnovabili.

 

Provvista di pannelli solari e di un sistema di riciclo dell’acqua piovana, la tenda è esteriormente ispirata ad elementi naturali come la pelle di serpente e le tende tessute a mano di alcune popolazioni nomadi del deserto.  La flessibilità è data infatti da una struttura di tele piegate in modo da consentire maggiore o minor apertura a seconda della necessità, oltre al fatto di avere un’autonomia in quanto al somministro di acqua e luce, per poter coprire le necessità basiche anche in situazioni avverse. L’energia solare viene assorbita dalla superficie della tenda e conservata in una batteria interna, mentre l’acqua piovana viene accumulata in un deposito sotto il tetto che servirà poi da doccia. Il materiale di cui è fatto lo strato esterno fa da isolante contro il freddo e l’umidità oltre ad essere leggerissimo e resistente al tempo stesso.

b2ap3_thumbnail_sistema-energia-agua-de-un-eco-diseo.png

Nomadi, rifugiati climatici e profughi di guerra hanno ora una possibilità di avere un rifugio eco-sostenibile, prescindendo dalle inefficaci e quasi inesistenti misure prese dagli Stati e dagli organismi internazionali incaricati di farlo. Rapida da montare, efficace e in armonia con l’ambiente, la tenda di Abeer Seikaly potrebbe essere la soluzione ideale per moltissime persone.

b2ap3_thumbnail_arquitectura-sostenible-refugio-eco.jpg

 

L’ingegnosa inventrice,premiata nel 2013 con il prestigioso Lexus Design Award, ne parla cosí:  “Vorrei che questa tenda permettesse ai rifugiati di sentirsi al sicuro, al riparo dal turbinio del mondo esterno. Vorrei che fosse un posto dove possano ricominciare a costruire la propria vita, un rifugio che dia loro la sensazione di essere a casa.” 

                                                                         

                                                                                                 Fonte foto: Abeer Seikaly

 

    Christine Michel Fayek                                                    

    {Spirali di Luna è anche su Facebook}

Vota:
Il mio cane e i miei gatti non sono animali domest...
Sì o no alla sterilizzazione dei nostri animali?
 

Commenti 1

Ospite - Claudio il Giovedì, 17 Settembre 2015 14:32

Scusate, ma quand'è che andremo alla radice dei problemi? Perchè la scienza non la si usa per far smettere le guerre e le appropriazioni indebite di risorse naturali invece che studiare innovazioni per tappare i buchi dei nostri gravi errori? Una persona morta di fame deve lasciare casa sua perchè la stanno violentando??? Ecco subito la soluzione per "proteggerla" altrove...!!! Va beh! E come se la compra la tenda da 11 milioni di dollari? LA PACE CI VUOLEEEEE!!!

fR Cl

0
Scusate, ma quand'è che andremo alla radice dei problemi? Perchè la scienza non la si usa per far smettere le guerre e le appropriazioni indebite di risorse naturali invece che studiare innovazioni per tappare i buchi dei nostri gravi errori? Una persona morta di fame deve lasciare casa sua perchè la stanno violentando??? Ecco subito la soluzione per "proteggerla" altrove...!!! Va beh! E come se la compra la tenda da 11 milioni di dollari? LA PACE CI VUOLEEEEE!!! fR Cl
Già registrato? Login qui
Ospite
Mercoledì, 20 Settembre 2017