Sentieri Armoniosi

La goccia d'acqua Zen

b2ap3_thumbnail_greenme_goccia_20150717-184159_1.jpg

Un maestro di Zen che si chiamava Gisan pregò un giovane studente di portargli un secchio d'acqua per raffreddare il suo bagno. Lo studente portò l'acqua e, dopo aver raffreddato il bagno, gettò a terra quel po' d'acqua che era rimasta nel secchio.

«Stupido!» lo sgridò il maestro. «Perché non hai dato l'acqua rimasta alle piante? Con che diritto sprechi anche una sola goccia d'acqua in questo tempio?».

In quel momento il giovane studente raggiunse lo Zen. E cambiò il proprio nome in Tekisui, che vuol dire una goccia d'acqua.

- Una Goccia d'acqua Zen

Una bella parabola Zen¹ per questa metà di Luglio calorosa e solare, per ricordare il valore dell'acqua, l'importanza di questa risorsa terrestre oggi giorno sempre più scarseggiante nelle regioni tropicali del Pianeta.

E' necessario che ognuno di noi sia estremamente attento al suo utilizzo dell'acqua e non solo, anche i prodotti che utilizziamo in generale (soprattutto quelli per la casa) possono avere un effetto direttamente deleterio sull'ambiente, cerchiamo quindi di scegliere detersivi ecologici, carta igienica biodegradabile, ricicliamo e poniamo un occhio etico di riguardo a ciò che usiamo per vivere, è sostenibile e non inquina le acque? Purtroppo la maggior parte dei rifiuti finisce nel mare...infatti nell'Oceano Pacifico si trova la più grande isola di rifiuti galleggiante, questo grazie a consumi di plastica esagerati e inesistenti norme di riciclo.

L'acqua può anche essere una bellissima occasione per un altro momento di presenza Mindfull durante la giornata, ogni qual volta bevete, vi lavate, fate una doccia, utilizzate l'acqua o entrate in contatto con lei ricordatevi della qualità di questo elemento essenziale:

Ecco come bisogna essere! Bisogna essere come l'acqua.

Niente ostacoli – essa scorre.

Trova una diga, allora si ferma.

La diga si spezza, scorre di nuovo.

In un recipiente quadrato, è quadrata.

In uno tondo, è rotonda.

Ecco perché è più indispensabile di ogni altra cosa.

Niente esiste al mondo più adattabile dell'acqua.

E tuttavia quando cade sul suolo, persistendo, niente può essere più forte di lei.

- Lao Tzu

Anche gli studi di Masaru Emoto² evidenziano le incredibili capacità dell'acqua di trasmettere e cristallizzare informazioni energetiche di tipo psichico come le emozioni e i pensieri.

b2ap3_thumbnail_greenme_masaru2.jpg

Impariamo ad essere come l'acqua, fluidi e in movimento, senza resistenze e al contempo pesanti e immoti, capaci di assorbire le energie negative e purificare, contenitori e veicoli di innumerevoli informazioni e sostanze.

La fluidità è alla base di qualsiasi ricerca interiore che non può che partire da un approccio morbido e sensibile alla propria anima e al proprio corpo.

Tentiamo coraggiosamente ogni giorno di entrare in quello spazio di abbandono consapevole, sensibile e attenti, a noi stessi e a ciò che ci circonda, come se fossimo semplicemente dei passeggeri, spinti da questa colossale corrente dell'esistenza simile a un grande fiume, in cui rimaniamo dei semplici testimoni in totale accettazione rispetto a ciò che accade intorno a noi; per le filosofie spirituali hindù questo atteggiamento di distacco, attuato di giorno in giorno, produce moksha: liberazione dalla sofferenza.

Non a caso anche il famoso libro di Hermann Hesse Siddharta, vede il protagonista alle prese con il Mistero dell'Acqua impersonificato da un fiume che trasporta le anime simbolicamente dalla piccola corrente dell'Ego all'Oceano dell'esperienza Divina.

Possiamo utilizzare questi pensieri e stati d'animo per facilitare l'introduzione delle nostre meditazioni.

b2ap3_thumbnail_greenme_meditaregoccia_20150717-184204_1.jpg

Grazie e alla prossima!

P.S. Vi ricordo l'invito a proporre argomenti di vostro interesse personale riguardanti la consapevolezza, l'olistica e la crescita personale: li elaborerò e ne uscirà un articolo! :)

¹ tratta da "101 Storie Zen"

² Vedi "La Coscienza dell'Acqua" di Masaru Emoto

Un maestro di Zen che si chiamava Gisan pregò un giovane studente di portargli un secchio d'acqua per raffreddare il suo bagno. Lo studente portò l'acqua e, dopo aver raffreddato il bagno, gettò a terra quel po' d'acqua che era rimasta nel secchio.

«Stupido!» lo sgridò il maestro. «Perché non hai dato l'acqua rimasta alle piante? Con che diritto sprechi anche una sola goccia d'acqua in questo tempio?».

In quel momento il giovane studente raggiunse lo Zen. E cambiò il proprio nome in Tekisui, che vuol dire una goccia d'acqua.

- Una Goccia d'acqua Zen

Una bella parabola Zen¹ per questa metà di Luglio calorosa e solare, per ricordare il valore dell'acqua, l'importanza di questa risorsa terrestre oggi giorno sempre più scarseggiante nelle regioni tropicali del Pianeta.

E' necessario che ognuno di noi sia estremamente attento al suo utilizzo dell'acqua e non solo, anche i prodotti che utilizziamo in generale (soprattutto quelli per la casa) possono avere un effetto direttamente deleterio sull'ambiente, cerchiamo quindi di scegliere detersivi ecologici, carta igienica biodegradabile, ricicliamo e poniamo un occhio etico di riguardo a ciò che usiamo per vivere, è sostenibile e non inquina le acque? Purtroppo la maggior parte dei rifiuti finisce nel mare...infatti nell'Oceano Pacifico si trova la più grande isola di rifiuti galleggiante, questo grazie a consumi di plastica esagerati e inesistenti norme di riciclo.

L'acqua può anche essere una bellissima occasione per un altro momento di presenza Mindfull durante la giornata, ogni qual volta bevete, vi lavate, fate una doccia, utilizzate l'acqua o entrate in contatto con lei ricordatevi della qualità di questo elemento essenziale:

Ecco come bisogna essere! Bisogna essere come l'acqua.

Niente ostacoli – essa scorre.

Trova una diga, allora si ferma.

La diga si spezza, scorre di nuovo.

In un recipiente quadrato, è quadrata.

In uno tondo, è rotonda.

Ecco perché è più indispensabile di ogni altra cosa.

Niente esiste al mondo più adattabile dell'acqua.

E tuttavia quando cade sul suolo, persistendo, niente può essere più forte di lei.

- Lao Tzu

Anche gli studi di Masaru Emoto² evidenziano le incredibili capacità dell'acqua di trasmettere e cristallizzare informazioni energetiche di tipo psichico come le emozioni e i pensieri.

Impariamo ad essere come l'acqua, fluidi e in movimento, senza resistenze e al contempo pesanti e immoti, capaci di assorbire le energie negative e purificare, contenitori e veicoli di innumerevoli informazioni e sostanze.

La fluidità è alla base di qualsiasi ricerca interiore che non può che partire da un approccio morbido e sensibile alla propria anima e al proprio corpo.

Tentiamo coraggiosamente ogni giorno di entrare in quello spazio di abbandono consapevole, sensibile e attenti, a noi stessi e a ciò che ci circonda, come se fossimo semplicemente dei passeggeri, spinti da questa colossale corrente dell'esistenza simile a un grande fiume, in cui rimaniamo dei semplici testimoni in totale accettazione rispetto a ciò che accade intorno a noi; per le filosofie spirituali hindù questo atteggiamento di distacco, attuato di giorno in giorno, produce moksha: liberazione dalla sofferenza.

Non a caso anche il famoso libro di Hermann Hesse Siddharta, vede il protagonista alle prese con il Mistero dell'Acqua impersonificato da un fiume che trasporta le anime simbolicamente dalla piccola corrente dell'Ego all'Oceano dell'esperienza Divina.

Possiamo utilizzare questi pensieri e stati d'animo per facilitare l'introduzione delle nostre meditazioni.

Grazie e alla prossima!

¹ tratta da "101 Storie Zen"

² Vedi "La Coscienza dell'Acqua" di Masaru Emoto

Un maestro di Zen che si chiamava Gisan pregò un giovane studente di portargli un secchio d'acqua per raffreddare il suo bagno. Lo studente portò l'acqua e, dopo aver raffreddato il bagno, gettò a terra quel po' d'acqua che era rimasta nel secchio.

«Stupido!» lo sgridò il maestro. «Perché non hai dato l'acqua rimasta alle piante? Con che diritto sprechi anche una sola goccia d'acqua in questo tempio?».

In quel momento il giovane studente raggiunse lo Zen. E cambiò il proprio nome in Tekisui, che vuol dire una goccia d'acqua.

- Una Goccia d'acqua Zen

Una bella parabola Zen¹ per questa metà di Luglio calorosa e solare, per ricordare il valore dell'acqua, l'importanza di questa risorsa terrestre oggi giorno sempre più scarseggiante nelle regioni tropicali del Pianeta.

E' necessario che ognuno di noi sia estremamente attento al suo utilizzo dell'acqua e non solo, anche i prodotti che utilizziamo in generale (soprattutto quelli per la casa) possono avere un effetto direttamente deleterio sull'ambiente, cerchiamo quindi di scegliere detersivi ecologici, carta igienica biodegradabile, ricicliamo e poniamo un occhio etico di riguardo a ciò che usiamo per vivere, è sostenibile e non inquina le acque? Purtroppo la maggior parte dei rifiuti finisce nel mare...infatti nell'Oceano Pacifico si trova la più grande isola di rifiuti galleggiante, questo grazie a consumi di plastica esagerati e inesistenti norme di riciclo.

L'acqua può anche essere una bellissima occasione per un altro momento di presenza Mindfull durante la giornata, ogni qual volta bevete, vi lavate, fate una doccia, utilizzate l'acqua o entrate in contatto con lei ricordatevi della qualità di questo elemento essenziale:

Ecco come bisogna essere! Bisogna essere come l'acqua.

Niente ostacoli – essa scorre.

Trova una diga, allora si ferma.

La diga si spezza, scorre di nuovo.

In un recipiente quadrato, è quadrata.

In uno tondo, è rotonda.

Ecco perché è più indispensabile di ogni altra cosa.

Niente esiste al mondo più adattabile dell'acqua.

E tuttavia quando cade sul suolo, persistendo, niente può essere più forte di lei.

- Lao Tzu

Anche gli studi di Masaru Emoto² evidenziano le incredibili capacità dell'acqua di trasmettere e cristallizzare informazioni energetiche di tipo psichico come le emozioni e i pensieri.

Impariamo ad essere come l'acqua, fluidi e in movimento, senza resistenze e al contempo pesanti e immoti, capaci di assorbire le energie negative e purificare, contenitori e veicoli di innumerevoli informazioni e sostanze.

La fluidità è alla base di qualsiasi ricerca interiore che non può che partire da un approccio morbido e sensibile alla propria anima e al proprio corpo.

Tentiamo coraggiosamente ogni giorno di entrare in quello spazio di abbandono consapevole, sensibile e attenti, a noi stessi e a ciò che ci circonda, come se fossimo semplicemente dei passeggeri, spinti da questa colossale corrente dell'esistenza simile a un grande fiume, in cui rimaniamo dei semplici testimoni in totale accettazione rispetto a ciò che accade intorno a noi; per le filosofie spirituali hindù questo atteggiamento di distacco, attuato di giorno in giorno, produce moksha: liberazione dalla sofferenza.

Non a caso anche il famoso libro di Hermann Hesse Siddharta, vede il protagonista alle prese con il Mistero dell'Acqua impersonificato da un fiume che trasporta le anime simbolicamente dalla piccola corrente dell'Ego all'Oceano dell'esperienza Divina.

Possiamo utilizzare questi pensieri e stati d'animo per facilitare l'introduzione delle nostre meditazioni.

Grazie e alla prossima!

¹ tratta da "101 Storie Zen"

² Vedi "La Coscienza dell'Acqua" di Masaru Emoto

germinal bio

Germinal Bio

Germinal Bio contribuisce a rigenerare i boschi veneti colpiti dalla tromba d'aria

hcs320

Eivavie

Come depurare l'acqua del rubinetto con i filtri in ceramica

Le meraviglie del cielo stellato di Alqueva Reserv...
Orti urbani: a Roma terreni in comodato d’uso grat...
 

Commenti 1

Ospite - andy il 22 07 2015

Bellissimo!grazie!

0
Bellissimo!grazie!
Già registrato? Login qui
Ospite
Domenica, 26 Maggio 2019
corsi pagamento
seguici su facebook